Lun. Feb 17th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Roccamonfina. Palazzo dei Congressi, Montefusco vuole un Polo Sanitario ma che fine farà il Museo Magma? Parla il direttore Feroce

3 min read
EVENTI IN EVIDENZA

 

Stamane il primo cittadino di Roccamonfina Carlo Montefusco insieme ai suoi collaboratori ha effettuato una visita al Palazzo dei Congressi di Roccamonfina che da temppo ormai versa in pessime condizioni. Noi di v-news.it documentammo tempo fa in che condizioni si trovasse la struttura e le zone adiacenti alla stessa https://www.v-news.it/roccamonfina-palazzo-dei-congressi-nel-degrado-le-foto-dello-scempio/ . Il sindaco nel suo sopralluogo ha constatato la pessima situazione della struttura realizzata tra gli anni ’70 e ’80 dall’allora amministrazione provinciale retta dall’ex compianto primo cittadino di Roccamonfina Giuseppe Buco. L’intenzione della Presidenza Buco era quella di realizzare a Roccamonfina un polo congressuale di primo piano che potesse favorire lo sviluppo turistico ed imprenditoriale locale. Da allora l’edificio, di proprietà dell’Ente Provincia di Caserta, è di fatto rimasto una cattedrale nel deserto con lo sperpero di decine di milioni di euro, negli ultimi anni, per lavori di manutenzione il più delle volte inutili e insufficienti a ripristinare la struttura. Basti pensare che un recente finanziamento che era stato stanziato dalla Provincia per il Palacongressi di Roccamofina è poi stato utilizzato per ripristinare alcune strade a Caserta. Constatato lo scempio attuale il sindaco Montefusco ha deciso di scrivere una lettera al Presidente della Provincia di Caserta Giorgio Magliocca e alla Regione Campania per sollecitare la realizzazione in quella struttura di un Polo Sanitario d’avanguardia per garantire tutti i servizi essenziali alla popolazione del territorio dell’area della Comunità Montana “Monte Santa Croce”. In verità sono decenni che si parla di realizzare un Polo Sanitario nella struttura del Palacongressi. Già ai tempi dell’amministrazione guidata dal sindaco Ludovico Feole più volte erano stati presentati progetti e chiesto all’Ente di Corso Trieste e alla Regione di realizzare una struttura sanitaria al Palacongressi. Il desiderio del primo cittadino si scontra però con un elemento non secondario della vicenda. Infatti da alcuni anni la struttura del Palazzo dei Congressi ospita il Museo d’arte contemporanea Magma, diretto da Paolo Feroce (foto in basso). L’allora amministrazione Tari, beneficiando di un accordo specifico con la Provincia, al fine di uilizzare l’edificio e non lasciarlo abbandonato accordò l’utilizzo in comodato d’uso per l’installazione in diversi spazi dell’edificio di importanti opere d’arte. Negli anni il Palazzo dei Congressi grazie al Magma ha ospitato diverse mostre di carattere nazionale ed internazionale ospitando numerosi artisti provenienti da ogni parte del mondo. Insomma una vetrina non da poco per Roccamonfina. Poi l’oblio e la chiusura. Più volte già in passato il Direttore artistico Paolo Feroce ha  scritto all’Ente Comune chiedendo lumi circa il destino del Magma. “Ho scritto da molto tempo al Comune per avere delle spiegazioni in merito – spiega il Direttore Paolo Ferocema ad oggi non ho avuto ancora nessuna risposta. Con il sindaco Montefusco ad inizio anno c’era un’intesa di massima per una riapertura del museo lo scorso mese di ottobre a patto di liberare alcuni spazi al primo piano perchè dovevano essere dati all’Ente Comunità Montana. Io avevo dato ovviamente la mia piena disponibilità – prosegue Ferocema no se n’è fatto più nulla”. Insomma bisognerebbe prendere una decisione definitiva in merito ad una questione che ormai va avanti da un decennio e che rischia di “paralizzare”, nei rispettivi ruoli, le parti in causa. “Io sono pronto ad ogni soluzione  – conclude il Direttore Paolo Ferocema l’amministrazione comunale deve battere un colpo, deve dirmi ufficialmente che cosa vogliono farne del Magma. Io mi auguro che il museo possa rimanere nel Palazzo dei Congressi”.

Paolo Feroce

 

LEGGI ANCHE:

Roccamonfina – Castanicoltura e cinipide, sabato l’incontro promosso da Verde Collina. Torna il Prof. Alma

 

Così truccavano concorsi e appalti in Provincia di Caserta: i dettagli sulle indagini

Open

Close