• Lun. Mag 27th, 2024

Roccamonfina. Percepivano indebitamente l’assegno di inclusione: madre e figlia denunciate

Madre e figlia denunciate dai carabinieri di Roccamonfina

ROCCAMONFINA. Nonostante la figlia convivente fosse stata destinataria della misura cautelare degli arresti domiciliari, le due donne hanno continuato a percepire, per i mesi di gennaio e febbraio di quest’anno, l’assegno di inclusione erogato dall’Inps, omettendo di comunicare la sopraggiunta condizione impeditiva. È quanto scoperto dai carabinieri della Stazione di Roccamonfina, i quali hanno accertato l’indebita percezione dell’emolumento per un importo pari a 2.200 euro.

La madre 63enne e la figlia 37enne, quest’ultima raggiunta il 7 marzo dello scorso anno da un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari poiché ritenuta responsabile, unitamente ad altre 13 persone, di associazione dedita al traffico illecito di sostanze stupefacenti, di detenzione ai fini di spaccio e riciclaggio di denaro in concorso, sono state denunciate. Dovranno rispondere della percezione indebita dell’assegno di inclusione.

USCITA A1 CAIANELLO VIA CERASELLE TUTTI I GIORNI DAL LUNEDI AL SABATO ORARIO CONTINUATO 08:00 20:30 DOMENICA 08.00 13.00
Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Di Redazione V-news.it

Il bot redazionale

error: Content is protected !!