• Gio. Ott 28th, 2021

Roccamonfina. Stazione appaltante, Cestrone critico sulla scelta dell'amministrazione

DiThomas Scalera

Feb 4, 2017


“Affidare alla stazione unica appaltante tutti i “presunti” lavori anche sotto la soglia di legge che dovranno d’ora in poi essere espletati nel nostro comune, credo sia un errore per diverse ragioni”. Esordisce così il consigliere di opposizione del gruppo “Unione Roccana” nonchè Segretario cittadino del Partito Democratico Michele Cestrone il quale, attraverso una nota diffusa sui social network, critica la recente scelta dell’aministrazione Montefusco di far passare ogni gara d’appalto pubblica per il comune vulcanico attraverso la Stazione Unica Appaltante controllata dalla Prefettura di Caserta. L’intenzione dell’esecutivo Montefusco è quello di far svanire ogni eventuale “ombra” sull’affidamento di lavori pubblici che riguarderanno in futuro l’Ente Comune. Un’operazione trasparenza che non convince in pieno l’esponente dem. “Se lo si fa per evitare ‘commistioni’ con gente poco raccomandabile pensando di lavarsene le mani affidando tutta la gestione degli appalti all’esterno, è una ammissione di colpa ed una manifesta incapacità di controllo e vigilanza – attacca Michele Cestrone. A questo punto meglio decidere direttamente in ‘proprio’ a chi affidare i lavori, di chi fidarsi e prendersi così delle responsabilità che sono proprie della politica. Aver optato anche per ‘non gestire’ neanche quelli sotto la soglia ‘di legge’ significa, a mio modo di vedere, anche perdere la possibilità di poter far crescere manodopera locale ed imprese sul territorio perché è chiaro che così si perdono i rapporti fiduciari con ditte locali che in emergenza potevano essere utili per risolvere i problemi”. Insomma la scelta dell’esecutivo Montefusco potrebbe in futuro provocare anche ricadurte negative per le imprese locali o per la collettività secondo il consigliere di minoranza che sottolinea: “La politica spesso si perde in tantissimi meandri burocratici e farraginosi meccanismi. La dietrologia non serve! Serve forse essere capaci e consapevoli delle procedure da adottare e magari affidarsi, nel rispetto delle regole, nelle mani di imprenditori locali seri ed onesti (ci sono), cosa questa, auspicabile anziché far decidere tutto da Roma dove la torta probabilmente viene spartita già a dovere. Arriveranno così nel nostro paese ditte – conclude Cestrone, società e aziende con imprenditori forestieri. Appalti assegnati e decisi a tavolino altrove”.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru