• Ven. Ott 15th, 2021

Roma. Caso Cucchi, chiesto l’omicidio preterintenzionale per i tre Carabinieri. Svolta dalla Procura

DiThomas Scalera

Gen 17, 2017

Caso Cucchi, la Procura chiede l’omicidio preterintenzionale per i tre Carabinieri che lo arrestarono. Altro che epilessia. I Pm della Procura di Roma hanno chiesto l’omicidio preterintenzionale per Alessio Di Bernardo, Raffaele D’Alessandro e Francesco Tedesco, i tre Carabinieri che nel 2009 arrestarono per droga Stefano Cucchi. Il giovane pochi giorni dopo l’arresto morì in carcere sembra a causa delle percosse e delle violenze perpetrate da parte dei tre militari dell’Arma. Cucchi fu arrestato nel Parco degli acquedotti a Roma dai tre agenti che già erano stati indagati per lesioni personali aggravate. Adesso però le loro posizioni si aggravano pesantemente con la richiesta dell’omicidio preterintenzionale pluriaggravato dai futili motivi e dalla minorata difesa della vittima (abuso di autorità contro arrestati, falso ideologico in atto pubblico e calunnia gli altri capi pendenti sui tre Carabinieri). Si aggravano le posizioni anche degli altri indagati, il Comandante della stazione Appia, Roberto Mandorlini e quella di Vincenzo Nicolardi. La perizia con la quale si parlava di morte per epilessia di fatto decade. Una svolta importante in un processo che vede una grande attenzione da parte dell’opinione pubblica nazionale, ancora profondamente scossa, a distanza di anni, dalla vicenda del geometra romano. Una vicenda sulla quale sta indagando da tempo anche la stampa (importantissime le recenti inchieste in merito del settimanale “L’Espresso”) con l’auspicio di giungere presto alla verità sulla morte del giovane.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru