• Sab. Ott 23rd, 2021

Roma/Piedimonte Matese. Concorso “Il Volo di Pegaso”, presenti le artiste matesine Anna e Mirella Zulla

DiThomas Scalera

Mar 1, 2017

ROMA/PIEDIMONTE MATESE. In occasione del “Rare DiseaseDay” 2017 (Giornata Mondiale delle Malattie Rare), si è svolta ieri la premiazione del Concorso “Il volo di Pegaso”, presso l’Aula degli Intergruppi Parlamentari alla Camera dei Deputati, ospitata dall’On. Binetti. La manifestazione, giunta alla sua nona edizione, è organizzata dal Centro Nazionale Malattie Rare dell’Istituto Superiore di Sanità diretto da DomenicaTaruscio e dalle ultime due edizione ha come direzione artistica Ilaria Sergi e Emilia Orlando della Loft Gallery Spazio MatEr, con il patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

A valutare le opere di più di 100 artisti da tutta Italia, come membri della giuria, hanno partecipato personalità del calibro di Vittorio Sgarbi, Maria Rita Parsi, Gian Paolo Serino, Santino Carta e altri illustri nomi.

L’ evento è stato moderato dalla giornalista e curatrice Raffaella Salato ed ha toccato temi molto importanti, ponendo un accento particolare sulla “prevenzione”. Difatti, nonostante l’OMS stimi l’esistenza di circa 7000 malattie rare, delle quali molte sono in attesa ancora di essere classificate, vi è un 20% di queste malattie non dovuto a cause genetiche, ma a fattori associati all’alimentazione, all’ambiente, a infezioni o ad abnormi reazioni immunitarie e per questo prevenibili.

Come ha sottolineato la Prof.ssa Maria Rita Parsi, presidente della giuria,Membro del Comitato Onu per i diritti dei fanciulli e Presidente della Fondazione Fabbrica della Pace e Movimento Bambino ONLUS:”Ciò che è raro- perfino una malattia- è o può diventare prezioso. Ci vuole attenzione, ascolto, ricerca, competenza, condivisione, alleanza. Ci vuole informazione e formazione. Ci vuole il rispetto che si deve a tutti e, anzitutto, a ciò che ci ricorda che la vita di ciascuno di noi transita ed è diversa dalle altre ma, seppure unica e speciale, interconnessa alle altre”

Il Concorso “Il volo di Pegaso” nasce con lo scopo di promuovere la conoscenza delle malattie rare attraverso le molteplici forme dell’arte e quest’anno il tema era rappresentato dal “viaggio”.

“La malattia e l’arte sono legate da vincoli stretti, anzi possiamo dire che nessun artista è grande se non è un uomo malato”: così provocatoriamente Vittorio Sgarbi ha riferito nel suo video-messaggio durante la cerimonia.

Evita Andujar per la pittura, Luca Coser per il disegno, Fabio Masotti per la scultura, Alfredo Dante Vallesi e Inna Rogatchi per la fotografia, sono i nomi degli artisti vincitori, riguardo la sezione arti visive, della IX Edizione del Concorso Il Volo di Pegaso Raccontare le Malattie Rare. Tra gli artisti finalisti anche Karen Thomas, Vincenzo Scolamiero, Germana Galdi, Michele Grimaldi, Marco Angelini, Ida Saitta, Anna Zulla e tantissimi appassionati.

Durante la premiazione è stato possibile ammirare, in video-esposizione, le opere di tutti gli artisti ammessi al concorso, tra cui anche l’opera della pittrice Mirella Zulla.

Ma le notizie non finiscono qui.

Infatti, dal 6 al 26 maggio 2017, presso la Loft Gallery Spazio MatEr a Roma, si aprirà la mostra ufficiale del Concorso con le opere di tutti gli artisti.

 

Oltre – tecnica acrilico e inchiostro su cartoncino, 60×80 cm, 2016. Anna Zulla
Costellazione – tecnica olio su tela, 50×80 cm, 2015 – Mirella Zulla – esposta a La magia dei colori 2016 a cura di Carlo Roberto Sciascia

 

Anna Zulla
Mirella Zulla
Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru