• Mar. Ott 19th, 2021

Pigging: L’ evoluzione del bullismo. Quanto può essere crudele l’essere umano?

Dall’America arriva questa nuova moda di divertirsi, il Pigging, una nuova variante del bullismo, vediamola insieme

“Di fronte agli sciocchi e agli imbecilli esiste un modo solo per rivelare la propria intelligenza: quello di non parlare con loro, ma anche una padellata in faccia dovrebbe funzionare.”

ARTHUR SCHOPENHAUER

Per la Rubrica ‘Angolo diverso’ ecco l’argomento di questa settimana: ‘Pigging’ , la nuova variante del bullismo. No non c’entra con il Covid, ormai non ne possiamo più di leggere notizie inerenti a questo virus che non vuole lasciarci. Quello di questa settimana è un virus assai più cruento, nato dalla deficienza e dall’ignoranza umana. 

Vediamo insieme che cos’è.

pigging – bullismo

Il Pigging o pull a pig è un nuovo gioco nato dalla mente di alcuni deficienti: Uno figo finge di essere interessato ad una ragazza sommariamente anonima  perché non mette foto con il muso a papera su Instagram o foto in posizioni hard con  frasi di grandi filosofi. Niente,non è capace di fare ste’ cose e quindi deve essere bullizzata secondo un circolo ristretto di cretini,ecco il perché del termine ‘pig‘ .

Il belloccio della situazione inizia a corteggiarla,  lei inizialmente non ci crede, poi si fida perché il latin lover magari si impegna e quando poi la vittima abbassa le difese,  il bullo le confessa che era tutto uno scherzo per far divertire i suoi amici. Ecco il pigging.

Come tu mi vuoi – pigging

Questo corteggiamento di solito inizia tramite social per poi spostarsi nella vita reale. La crudeltà di questo fenomeno è allarmante ma la domanda è : Chi fa più schifo, l’esecutore o il mandante? Nato tutto dalle mente di  un misogino frustrato, ovviamente vale anche la variante femminile, questa sorta di gioco viene citata spesso anche nelle serie tv e nei film, basti pensare a Come tu mi vuoi’ , in cui la protagonista, una giovane Cristiana Capodonti, viene circuita dal bello della situazione per puro divertimento. Il finale è sicuramente positivo, ma nella realtà ciò non accade.

Riuscite ad immaginare il grado di umiliazione della vittima? Frustrazione, senso di ingiustizia che una ragazza deve provare dopo essere stata tratta in inganno? La sua autostima forse già scarsa, non può che avere riscontri negativi sulla vittima e la sua fiducia verso il prossimo.

Il bullismo fa questo, questo è pigging.

Per saperne di più ho deciso di intervistare una vittima di questo sporco gioco. A grande fatica me ne ha parlato e sono felice che abbia accettato.

Grazie cara per aver accettato la mia richiesta. Come promesso manterrò il tuo anonimato. Dunque, cosa è successo?

“E’ iniziato tutto sui social. Lui, lo chiamerò così perché mi fa schifo persino pronunciare il suo nome, ha cominciato a scrivermi, ad inviarmi messaggi ed ad invitarmi poi a bere un caffè. Per circa due mesi mi ha corteggiata e credo che questo faccia piacere un po’ a chiunque. Non sembrava vero, mi ha trattata inizialmente come una regina. Poi, cominciava ad essere più distaccato finché una sera non mi confessa che gli era stato chiesto di fare tutto ciò. Volevo morire”

Posso immaginare. Come ti sei sentita?

“ Hai presente quando speri che si apra una voragine e vorresti essere inghiottita? Così mi sento. I mandanti,erano amici in comune e questo loro tradimento mi ha fatto malissimo. Non li perdonerò mai. Mi dispiace che al momento la legge non tuteli noi vittime di pigging, così lo chiamano, ma spero che un giorno ciò possa essere attuabile.  Per settimane mi sono vergognata tanto da tagliarmi i capelli e non voler vedere nessuno. Ho augurato loro la morte e non me ne pento”.

Al momento come ti senti?

“Ora sono passati alcuni mesi e credo di essermi ripresa, non è stato facile. Ho avuto la fortuna di avere un’amica speciale che mi ha aiutata. Infatti, non abbiate paura di chiedere aiuto”.

Dopo questa testimonianza, posso solo dire che il bullismo, in tutte le sue forme, fa schifo. Non vergognatevi mai di ciò che vi è accaduto, ma dovranno farlo loro, i mandanti ed il capo espiatorio, e forse, un giorno, avranno una lezione dalla vita.

Chiedete aiuto per superare il momento iniziale fatto di dolore e umiliazione e ricordate che,in fondo, non sono tutti così. Non smettete mai di essere positivi verso il prossimo.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Marianna D’Antonio

Classe '85. Attivista per la tutela degli animali, avida lettrice ed amante delle serie tv e film d'autore. "Il problema della razza umana e' che gli idioti sono assolutamente sicuri,mentre le persone intelligenti sono piene di dubbi." Bertrand Russell