• Mer. Apr 24th, 2024

Gossip Reale: Re Carlo III ‘acchiappatutto’

Una norma medievale ancora in vigore, la bona vacantia, fa sì che il sovrano d’Inghilterra, Re Carlo III, intaschi i patrimoni di chi non ha eredi

Regno Unito – Ducato di Lancaster. Per la Rubrica ‘L’Angolo Diverso’ parleremo ancora della famiglia reale inglese, anche perché è la più chiacchierata, ma soprattutto, del Re Carlo III.

Infatti, ci giunge voce di una consuetudine del sovrano inglese che ha origini medievali.

Già era noto il legame alle antiche tradizioni che i sovrani inglesi portano avanti con vigore e dedizione, e sappiamo benissimo che il sovrano Re Carlo III sia una persona molto parsimoniosa, ma abbiamo scoperto il suo essere ‘acchiappatutto’.

Secondo un’antica legge, la bona Vacantia, Egli, intascherebbe i patrimoni dei cari estinti senza eredi nel Ducato di Lancaster, che di diritto appartiene al re D’Inghilterra in quanto Duca di Lancaster.

Lo scopo di questa concessione è per permettere al sovrano di avere una rendita indipendente, quindi, insieme al Ducato di Cornovaglia che sostiene invece il Principe di Galles (attualmente il primo genito William) sono ufficialmente ‘le entrate passive’ dei Re e del futuro re d’Inghilterra.

Cos’è la Bona vacantia?

È l’espressione che sta ad indicare i beni, i cui proprietari sono deceduti o restano privi di proprietari e senza eredi, che diventano proprietà dello Stato. In inglese il termine è vacant goods ma l’espressione originaria è latina.

Ad oggi, il nostro Carlo mai King del mio cuore, avrebbe intascato circa settanta milioni di euro negli ultimi dieci anni.

C’è da dire che si è fatto odiare sin da subito l’inizio del suo mandato, in quanto, ha licenziato molti dipendenti di Buckingam Palace, ha ridotto i privilegi a molti membri della famiglia reale ed inoltre, ha una produzione di marmellata grazie ai suoi frutteti.

Diciamo che sta molto attento alle spese, non si può certo dire che sia uno spendaccione a differenza della buon’anima della madre, Bettina del mi’ corason che non badava a spese per cani, cavalli ed il suo yacht privato, il

il Royal Yacht Britannia di proprietà dei reali inglesi dal 1953 al 1997. Oggi è diventato un vero e proprio museo e si trova a Edimburgo, presso l’Ocean Terminal a Leith, ed è parte del National Historic Fleet.

Bettina non badava a spese per mantenere il suo Status quo ma il figlio, al contrario, ci manca poco che venda la sua amata consorte pur di far soldi ma in quel caso, crediamo fermamente che non vi saranno acquirenti, nemmeno su Vinted.

Che dire, the Crown takes it all!!

USCITA A1 CAIANELLO VIA CERASELLE TUTTI I GIORNI DAL LUNEDI AL SABATO ORARIO CONTINUATO 08:00 20:30 DOMENICA 08.00 13.00
Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Di Marianna D’Antonio

Classe '85. Attivista per la tutela degli animali, avida lettrice ed amante delle serie tv e film d'autore. "Il problema della razza umana e' che gli idioti sono assolutamente sicuri,mentre le persone intelligenti sono piene di dubbi." Bertrand Russell

error: Content is protected !!