Lun. Ago 26th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Ruggito Rufrae: 2-0 nel derby contro l’Atletik Mignano

3 min read

Domenica 12 febbraio 2017, al campo sportivo di Presenzano si sono affrontate Rufrae e Atletik Mignano in un derby che prometteva scintille vista la grande rivalità tra le due squadre e l’ obbiettivo comune dei club: i Playoff. Gli uomini di Caimano, che venivano dalla cocente sconfitta nel recupero della dodicesima giornata contro il Volturnia, erano chiamati alla pronta riscossa per non lasciarsi sfuggire il treno playoff e non poteva capitare occasione migliore per sfoderare una grande prestazione.

Pronti via, il Mignano va subito vicinissimo al vantaggio con Crolla che fallisce un 1 vs 1 con il portiere. Sarà l’ unico tiro verso la porta difesa da Ruberto. Al 25′ Cozzone si auto lancia verso la porta e viene fermato prima di entrare in area da D’Agostino, chiaro esempio di fallo da ultimo uomo, l’arbitro però opta per il giallo. Sul pallone si presenta Perretta che disegna una traiettoria perfetta su cui Corbo non può nulla, è il goal dell’ 1-0. Passano 10 minuti e il Rufrae va vicino al raddoppio con Cozzone che, imbeccato da Carrieri, conclude sul palo una splendida azione corale del Rufrae. Nonostante il continuo spingere della formazione di casa, il primo tempo si conclude con il risultato di 1-0.

Il secondo tempo segue la stessa linea del primo: il Rufrae fa la partita e l’Atletik cerca di difendersi per poi ripartire con improvvise verticalizzazioni. Al 15′ della ripresa altro legno del Rufrae, stavolta con Brunetti che sugli sviluppi di un calcio di punizione prende perfettamente il tempo alla difesa e colpisce la traversa piena con un grande colpo di testa. Al 20′ Vera è costretto a lasciare il campo per un fastidio muscolare, entra Angelone. Il goal è però nell’ aria e si materializza quando al 25′ Mone verticalizza verso Carrieri che, lasciato solo dalla difesa ospite, ha tutto il tempo di servire Cozzone al centro che non si fa pregare e raddoppia per la compagine rossoblu. L’ Atletik non ci sta e la mette sull’ agonismo: al 35′ Cifelli N. stende Cozzone lanciato a porta procurandogli una lussazione alla spalla, già ammonito viene espulso. Nel caos creatosi viene allontanato anche Pascale (R.) che si trovava in panchina. Cozzone è costretto a lasciare il campo, entra Caraccio. Gli ultimi minuti passano via tranquilli per il Rufrae che si concede anche un pregevole giro palla per abbassare i ritmi della partita.

Grande prova degli uomini di mister Caimano che, non solo hanno vinto, ma hanno convinto impostando una partita d’ attacco fin dal primo minuto. Contando le occasioni, il risultato va anche stretto. Dall’ altra parte, l’ Atletik non è stato capace di andare oltre la semplice ”provocazione” e nel momento in cui si è trovato sotto di due goal, non ha saputo far altro che randellare senza neanche provare a compattarsi e a imbastire una qualsiasi trama di gioco. Si sottolineano anche delle tensioni sugli spalti in seguito a dei gesti “poco ortodossi” che Cifelli N. ha rivolto verso gli spalti nel momento dell’espulsione. Quello che rimane però è la prova solida, convinta e convincente del Rufrae che si rialza dopo il capitombolo di Rocchetta e si piazza al quarto posto, in attesa della trasferta di domenica prossima sul difficile campo di Pozzilli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Potrebbe interessarti

Open