• Sab. Ott 23rd, 2021

S21, mostra fotografica di Roberto Arcangeli al PAN

DiThomas Scalera

Ott 31, 2014

T-17e5f495ae92be3885e2dac18af4c1fc-600x485

Si inaugurerà sabato 1 novembre alle ore 17.30 la mostra S21 di Roberto Arcangeli la mostra si potrà visitare fino al 21 novembre. La mostra sarà curata da Nicolas Pascarel Presidente di Fotoasia | Photo Workshop in South East Asia e Cuba. Lavorando con Fotoasia, il fotografo Roberto Arcangeli indaga nella memoria ancora troppo viva di questi angoli affatto remoti del mondo, laboratorio politico e fucina di Storia per l’intero globo, conservando anche il bianco e nero per rendere i chiaroscuri di luoghi di tortura cambogiani ancora tanto pericolosamente attuali e niente affatto spenti benché in disuso. Come ci dice il curatore della mostra Nicolas Pascarel: “ S21 è diventato, oggi, il luogo più visitato della Cambogia. Del centro di sterminio che ho personalmente conosciuto quindici anni fà, deserto, tropicale e ancora pieno di sangue a terra, è rimasto ben poco. Oggi decine di pulmini fanno sbarcare turisti venuti da ogni parte del mondo per visitare, nelle quattro palazzine e alla velocità della luce, quella che fu l’immagine più folle e terrificante del genocidio cambogiano, degli anni di Pol Pot. Alcuni di loro vengono addirittura con i figli, bambini di 7 o 8 anni, per vedere l’insopportabile; centinaia di turisti in short con le macchine al collo, che, quasi, corrono nelle sale e tra i piani, per immortalare quella che sarebbe la Memoria. La gente piange, un’ora, e poi va via: tutto dimenticato quasi per sempre, poi si passa a un’attrazione diversa. Così va la vita, oggi a S21. Tutto questo per dire quanto è difficile, oggi, fotografare quel luogo, in una marea di immagini che girano sul web o nei cataloghi turistici. Non si tratta tanto di fotografare S21 a livello estetico perché giustamente S21 ha un difetto: è estetico e molto. Una sorta di estetismo della morte, il tutto perfetto, che ha la capacità di trasformare una fotografia banale in una, quasi, opera d’arte, piuttosto che rendere con l’immagine la vera funzione di S21, che è solo una: un luogo di morte, di sterminio, agghiacciante e terribile. Il luogo simbolo della memoria di un paese e di una nazione intera. È proprio questo che mi ha colpito nel lavoro di Roberto Arcangeli. È riuscito a mostrare S21 per quello che è realmente e quello che dovrebbe essere per tutti noi. Ovviamente con l’occhio di un fotografo vero, con la sua sensibilità artistica e non con quella di un storico o di un giornalista.

Nelle fotografie di Roberto si legge la paura e l’orrore e nient’altro. Le inquadrature, spesso non accademiche, e a volte la mancanza di dettagli, di “pulito”, rafforzano questo sentimento di paura. Non ci sono mezzi toni per descrivere quel posto e Roberto ha saputo togliere quel lato estetico per raccontare, con la forza delle immagine, la vera identità di S21”. Le fotografie di Roberto Arcangeli sono pure, senza compromessi, dirette: tutto come il prigioniero che entrava lì per la prima volta e non poteva immaginare quello che c’era dietro le mura di una semplice scuola di Phnom Penh. Non c’era niente, proprio nulla, solo la morte ad aspettarlo, un giorno, un mese, massimo un anno, ma solo la morte accompagnata da torture come finale alla vita.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru