• Mar. Ott 19th, 2021

San Felice a Cancello. Spaccio di droga nei pressi dalla stazione ferroviaria: arrestato 41enne

Si tratta di un uomo marocchino residente in provincia di Avellino

SAN FELICE A CANCELLO. I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Caserta, a San Felice a Cancello,  nel corso di un servizio di controllo del territorio effettuato nei pressi della locale stazione ferroviaria, hanno proceduto all’arresto, in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, del quarantunenne marocchino  L. A., 41 anni, residente a Cervinara, in provincia di Avellino.

L’uomo, identificato mentre si aggirava con fare sospetto nei pressi dello scalo ferroviario  sanfeliciano, a seguito di perquisizione personale, è stato trovato in possesso di 50 grammi circa di hashish, oltre a 200 euro in contanti, quale provento dell’illecita attività di spaccio.

Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro.

L.A. è stato trattenuto presso le camere di sicurezza dell’Arma, a disposizione  della competente Autorità Giudiziaria.

Hashish

L’hashish è una sostanza stupefacente psicotropa derivata dalle infiorescenze femminili della pianta di Cannabis (canapa è il nome comune) i cui effetti sono dovuti principalmente al Δ9-THC in essa contenuto (in quantità maggiore rispetto alla marijuana). In Italia l’hashish viene gergalmente chiamato “fumo”. E’ classificato come una droga leggera.

Gli effetti indotti dall’uso di tale sostanza, che viene generalmente fumata assieme al tabacco, ma può anche essere ingerita, sono svariati; hanno differente intensità a seconda del soggetto, delle circostanze psicofisiche in cui la si assume, e dell’assuefazione del fumatore. Gli effetti indotti possono essere condizionati in maniera significativa anche da due fattori psicologici: il set (lo stato d’animo di chi consuma) e il setting (la compagnia con cui si trova e il luogo in cui si trova il consumatore).

L’hashish è ricavato dalla lavorazione della cannabis “”(sativa e indica)””, piante che crescono in numerose zone. I principali produttori sono Marocco, Pakistan, Libano, India e Nepal, ma può essere comunque coltivata in qualsiasi luogo del mondo.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Redazione V-news.it

Il bot redazionale