Mer. Mag 27th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

San Felice a Cancello. Maxi inchiesta su appalti e camorra: scarcerato l’imprenditore Clemente Biondillo

3 min read
EVENTI IN EVIDENZA

SAN FELICE A CANCELLO. Con la decisione assunta nella serata di ieri dal Tribunale di Napoli – ottava sezione riesame –le ipotesi accusatorie elevate nei confronti dell’imprenditore sanfeliciano Clemente Biondillo hanno subito un significativo ridimensionamento.
Nonostante l’accusato si fosse avvalso della facoltà di non rispondere in sede di interrogatorio, i magistrati hanno condiviso le argomentazioni giuridiche devolute dagli avvocati Dario Vannetiello del Foro di Napoli e Clemente Crisci del Foro di Santa Maria Capua Vetere.
L’udienza si è protratta per molte ore in quanto i magistrati del riesame sono stati costretti a sospendere l’udienza al fine di decidere una spinosa questione giuridica sollevata dall’avvocato Dario Vannetiello attinente alla inutilizzabilità di larga parte delle intercettazioni ambientali e telefoniche, le quali costituiscono la principale fonte di prova a carico di Biondillo e delle altre persone coinvolte nell’inchiesta che ha fatto tanto scalpore nella Regione Campania.
Molto articolato è il dispositivo adottato dal Tribunale.
Su plurimi aspettile imputazioni sono stati incrinate dalle tesi difensive.
Infatti, il Tribunale ha escluso sia l’aggravante mafiosa contestata con riferimento al reato di associazione a delinquere.
È stata anche condivisa la linea difensiva che puntava a dimostrare che il reato di corruzione non era giunto a compimento atteso che l’appalto pari ad 80 milioni di euro, afferente alla zona industriale del Comune di San Felice a Cancello, non era stato aggiudicato da una delle ditte facenti capo al clan Zagaria.
L’ulteriore punto che ha contribuito ad erodere l’ipotesi accusatoria è rappresentato dall’aver il Tribunale del riesame escluso che Biondillo avesse rivelato ad Antonio Zagaria, fratello del più noto capoclan Michele, i segreti dell’ufficio del Comune di San Felice a Cancello onde favorire le imprese vicine ai casalesi.
E così, grazie ai nuovi approdi a cui è giunto il Tribunale, nonostante il ruolo di primo piano che Biondillo avrebbe ricoperto all’interno della vasta inchiesta, intorno alla mezzanotte, si sono aperte le porte della casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere ove era recluso, consentendo il ritorno del politico – imprenditore presso la sua abitazione di San Felice a Cancello.

Avv. Dario Vannetiello

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close