• Dom. Ott 17th, 2021

San Marcellino – Bonifiche, Costanzo chiede l'intervento della Procura della Repubblica

DiThomas Scalera

Feb 25, 2016

Il tormento dei rifiuti torna sempre di attualità a San Marcellino. Nonostante le reiterate denunce per le condizioni in cui versano le strade principali del paese e le realtà periferiche, la fantomatica bonifica, sulla quale si era pronunciato a luglio anche il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletta (auspicandone la continuazione), sembra davvero non portare i suoi frutti. Basta citare il disastro ambientale tangibile in via ex Vianina, nelle stradine che costeggiano il cimitero e il parcheggio specifico, via Foscolo, Via Petrarca e zona Annunziata. Camminando, ad esempio, nei pressi del cimitero, è possibile assistere alla giacenza di sacconi pieni di materiali altamente infiammabile e nocivi, come resti di pneumatici, igienico-sanitari, scarti di lavorazione meccanica e materassi. Ancora più grave la situazione se ci riferiamo a via ex Vianina, dove la bonifica è stata iniziata, rimuovendo dal sottosuolo i rifiuti, ma non terminata, dato che gli stessi, pericolosissimi per l’incolumità umana, stanziano vicino alle coltivazioni. “A cosa è servito – chiede rabbioso l’attivista Nicola Costanzo, componente della listarifiuti “Futuro per San Marcellino” – spendere tanti soldi per un progetto così fallimentare? I dipendenti della società Campania Ambiente, quella incaricata dalla Regione Campania per risolvere il problema, avevano, in fase di lavoro, differenziato l’immondizia prima di porla nei sacchi. Successivamente, però, quest’ultima è stata mischiata nuovamente al momento del caricamento nei camion della nettezza urbana. A cosa è servita questa bonifica? A giocare solo sulla salute della gente ed a buttare nei loro occhi la polvere? Mi chiedo – conclude – come sia possibile che ancora un gran numero di sacconi bianchi siano sparsi per il paese ed è per questo motivo che mi appello alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere per fare chiarezza su questa vicenda. Se qualcuno ha sbagliato, è giusto che paghi”.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru