• Gio. Ott 21st, 2021

San Marcellino. Tentata estorsione, lesioni e illecita concorrenza tra titolari di onoranze funebri: arrestati padre e figlio

DiThomas Scalera

Nov 4, 2015

carabinieri

SAN MARCELLINO. Tentata estorsione, danneggiamento aggravato, lesioni personali e illecita concorrenza. Sono queste le accuse rivolte ai due imprenditori, padre e figlio, di san Marcellino arrestati stamane dai carabinieri di Frignano nell’ambito di un’indagine coordinata dai magistrati della procura della Repubblica di Napoli Nord. I due, che operano nel settore delle onoranze funebri avrebbero, attraverso due episodi criminosi avvenuti tra agosto e settembre 2015, danneggiato il gestore di una concorrente attività di onoranze funebri, con l’obiettivo ultimo di distoglierlo dall’esercitare l’attività nello stesso territorio, ovvero, San Marcellino. La vittima è il figlio della moglie di uno degli arrestati, nato da un precedente matrimonio, che aveva proseguito l’attività del padre deceduto. La donna, lo scorso 14 settembre 2015, sempre a causa di contrasti dovuti alle attività concorrenti del figlio e dell’attuale marito, aveva sparato a quest’ultimo, operato poi subito dopo. I due arrestati sono stati trasferiti presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru