Sab. Mag 30th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

San Marco Evangelista. Fiera Agricola: convegno d’apertura concluso con successo

3 min read
EVENTI IN EVIDENZA

SAN MARCO EVANGELISTA. E’ con il grande tema dell’etichettatura e della rintracciabilità dei prodotti agroalimentari che si è aperta la 14esima edizione della Fiera Agricola.
Al primo convegno, che si è svolto stamane presso il polo fieristico A1Expò, hanno preso parte il Presidente del Centro Studi consumi e ambiente Indagini3 Rosario Trefiletti, il Presidente dell’ordine degli Agronomi Pasquale Francesco Galdieri e la Deputata M5S Margherita del Sesto componente della commissione Agricoltura della Camera. Al presidente Galdieri è toccato lanciare l’allarme sulle maglie aperte nella legislazione che si occupa proprio della tutela dei consumatori nel comparto agricolo. “Il rischio più grande – ha dichiarato Galdieri – è che si possa verificare una vera e propria elusione delle normative a tutela della salute degli utenti come nel caso dell’acquisto da paesi extra europei di prodotti poi ri-etichettati nei confini comunitari con tutte le attestazioni del caso, possedute dalla ditta importatrice”. Un pericolo vero e proprio su cui si è espresso anche Rosario Trefiletti. “Sono anni che conduco battaglie sulla tracciabilità ma la soluzione legislativa tarda sempre a venire o magari arriva, depotenziata e denaturata, in caso di emergenze sanitarie. Il cittadino ha il diritto di sapere esattamente da dove proviene il cibo che è in tavola. E’ una battaglia che riguarda le olive, il grano, i pomodori e decine di altri prodotti che quotidianamente usiamo nelle nostre case. La politica – ha concluso Trefiletti – deve farsi carico di questa problematica”. E la politica, nella fattispecie, la deputata con delega all’agricoltura, Margherita Del Sesto, ha assicurato un suo diretto interessamento, oltre ad aver spiegato nel dettaglio su cosa ha lavorato e sta lavorando il governo centrale. “Siamo sempre stati sensibili alle battaglie in difesa dei consumatori e continueremo anche su questo fronte delle etichettature – ha affermato – piuttosto è complicato far comprendere in sede Europea la bontà dei nostri prodotti. La nostra mozzarella, ad esempio, è attenzionata dall’Unione Europea che verifica il tasso di grasso dei prodotti senza considerare l’uso che se ne fa e il quantitativo effettivamente mangiato. All’inverso abbiamo registrato un aumento netto dell’export, sempre della mozzarella, e quindi sarà opportuno cambiare qualcosa non soltanto a livello nazionale ma anche, e soprattutto, a livello europeo”.

Leggi anche:

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close