• Sab. Ott 16th, 2021

Il soggiorno marino de Il Girasole

SAN NICOLA LA STRADA. Anche quest’anno l’associazione Il Girasole ha organizzato un soggiorno marino per i suoi iscritti. Esso ha avuto luogo tra il 5 ed il 12 settembre presso l’International Hotel di Mondragone. Qui l’associazione è ormai di casa. Per comodità, sensibilità e accortezza nei riguardi del mondo della disabilità questa struttura è praticamente ad hoc per i suoi iscritti. Essa ha il pregio d’esser dotata di un accesso diretto al mare. Grazie ad una passerella, infatti, si può passare direttamente dalla struttura all’arena. Quest’aspetto, per chi ha difficoltà motorie non è certo da trascurare. La sensibilità dei proprietari, inoltre, fa si che in occasione d’ogni loro soggiorno vengano riservati due bagni caratterizzati da conformazione e dimensioni tali da renderli ottimali per lo stazionamento delle carrozzine.

La partenza

I ventisei iscritti all’associazione si sono diretti alla volta di Mondragone intorno alle 12:00 di giovedì 5 settembre 2019. Della “truppa”, oltre ai diversamente abili, facevano parte i loro accompagnatori e i sei volontari che, ormai da anni, con gioia e dedizione portano avanti l’associazione. I ventisei villeggianti si sono ritrovati presso la sede di Via Pasolini per un breve rinfresco. Qui sono stati divisi in due gruppi: quelli che non hanno difficoltà nel deambulare su un pullman ordinario, mentre coloro che necessitano della carrozzina hanno fruito d’un furgoncino dotato di pedana.

I giorni del soggiorno

Giunti in struttura c’è stata la consueta assegnazione delle camere. Ad essa ha fatto, immancabilmente, seguito il bagno inaugurale. I giorni successivi sono trascorsi in un’atmosfera allegra, frizzante e gioiosa. Il loro ritmo è stato scandito da una cadenza sostanzialmente fissa ma mai monotona. Al mattino, dopo la colazione, chi al mare, chi nella piscina presente in loco, i villeggianti si dedicavano alla balneazione. Chi nel farlo era ostruito da difficoltà motorie è stato puntualmente supportato dalla mitica J. O B. Le tre lettere sono l’acronimo del napoletano jam a fa o bagno. Questa carrozzina da mare è stata infatti partorita dalla feconda genialità napoletana. Il Girasole ne è provvista da ormai più di 10 anni. Grazie ad essa ed al supporto dei volontari i diversamente abili che ne hanno avuto bisogno si sono potuti immergere con godimento e sicurezza. Il grosso della giornata era dunque riservato alla balneazione. Dopo il serale desinare, invece, giungeva l’ora d’una convivialità animata da balli, barzellette e dagli scanzonati canti del caraoche.

L’epilogo

I ventisei villeggianti sono rientrati ad una settimana esatta dalla loro partenza. Lungo la via del ritorno, le espressioni di gioia per i giorni trascorsi assieme e quelle malinconiche per il subentrare della nostalgia si mescevano sul volto di tutti i partecipanti.

Tra conferme e auspici

Per Il Girasole l’appuntamento col soggiorno estivo è, ormai, diventato storico. Esso, infatti, vanta una tradizione che sfiora il ventennio. Il primo soggiorno, infatti, risale alla prima amministrazione Pascariello. La gioia di chi, da anni, vi prende parte testimonia a pieno la bontà di tale iniziativa. Al fine di meglio comprendere le future intenzioni dell’associazioni ne abbiamo contattato il segretario ed ex presidente Antonio Gramese. Questi ha, con fermezza, affermato che quest’iniziativa si ripeterà fino a quando Il Girasole sarà in vita. L’appello che, assieme al resto dell’associazione, mi prega di lanciare è rivolto ai giovani. L’associazione si regge grazie all’infaticabile operato dei suoi volontari. Purtroppo, però, alcuni di quelli che costituivano lo zoccolo duro oggi non ci sono più. Gramese, dunque, attraverso quest’articolo, esorta, in particolar modo i giovani a donare una piccola parte del proprio tempo a chi ne ha più bisogno. Iniziative come questa, infatti, non potranno continuare a sussistere se non accompagnate dall’energia e dalla ventata fresca che solo le nuove generazioni sono in grado di dare.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.