Mer. Set 18th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

San Prisco – Lo legano e lo picchiano per svaligiargli la casa, arrestati due rumeni. Indagini ancora in corso per fermare altri tre complici

3 min read

In data 20.2.2016 i militari della Stazione Carabinieri di San Prisco (CE), hanno
sottoposto a fermo di indiziato di delitto, per i reati di rapina in abitazione e sequestro
di persona il cittadino straniero: – NICULAI FLORIN, nato in Romania 18 febbraio 1994. Tale arresto rientra nell’ambito delle indagini sviluppate dai Carabinieri della
Stazione di San Prisco sotto la direzione della Procura della Repubblica presso il
Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, in relazione a una rapina in abitazione e a un
sequestro di persona occorsi in San Prisco in data 27 gennaio 2016 in danno di un
40enne cittadino italiano. Nella circostanza, approfittando del rapporto di conoscenza tra uno dei malviventi e la persona offesa, cinque soggetti, tutti rumeni, si erano introdotti all’interno dell’abitazione aggredendo la vittima e percuotendola con particolare crudeltà, in particolare dopo aver staccato il contatore della corrente in casa della vittima provocando il buio nella stessa, l’hanno dapprima legata su una sedia, e colpita con pugni al viso e al corpo, poi l’hanno portata in una cameretta, dove le hanno coperto la bocca con un nastro isolante, le hanno legato gambe e polsi con il nastro isolante, colpendola con forza su tutto il corpo, anche con un tirapugni, fino quasi a
soffocarla, impossessandosi poi di oro, monili, denaro e di un’autovettura, per un
valore complessivo di circa 50.000 euro.

SONY DSC

Immediate indagini condotte sotto la direzione della Procura di Santa Maria Capua Vetere consentivano ai Carabinieri di raccogliere in poche ore elementi utili ad identificare il complice conosciuto alla persona offesa per il quale pende misura cautelare disposta dall’Ufficio GIP del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere e del quale sono tuttora in corso attive ricerche. Ulteriori accertamenti finalizzati all’identificazione dei compiici consentivano, nel breve volgere di venti giorni, di identificare e trarre in arresto dapprima un17enne rumeno a seguito di decreto di fermo emesso dalla Procura presso il Tribunale dei Minorenni di Napoli e, successivamente, di sottoporre a fermo l’odierno indagato che, sulla base degli elementi raccolti, era in procinto di abbandonare il territorio nazionale. Sono in corso ulteriori indagini finalizzate ad identificare e catturare gli altri compiici della rapina ed al recupero della refurtiva, nonché ad accertare la presenza di altre rapine eventualmente perpetrate dagli indagati con il medesimo modus operandi. Il presente provvedimento rientra nell’ambito di numerose attività di indagine volte a contrastare la criminalità predatoria, con particolare attenzione a fenomeni delle rapine in abitazione poste in essere da gruppi organizzati di cittadini di varie etnie, che pongono a serio rischio l’incolumità delle persone offese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open