• Mar. Ott 19th, 2021

San Tammaro. Dialoghi di Carditello_Le Metamorfosi, la Fondazione Real Sito presenta un ciclo di incontri

DiThomas Scalera

Mar 28, 2017

SAN TAMMARO. La Fondazione Real Sito di Carditello, presieduta dal Prof. Luigi Nicolais e diretta da Angela Tecce, presenta Dialoghi di Carditello_Le Metamorfosi. Dopo il successo delle aperture straordinarie che da gennaio hanno reso visitabile il Real Sito e che proseguiranno nei mesi aprile, maggio e giugno, la Fondazione propone un ciclo di incontri realizzati in collaborazione con le associazioni Astrea, Sentimenti di Giustizia e A voce Alta per approfondire i temi legati alla natura, al territorio e alla cultura. Il 1 aprile 2017, alle ore 10.30, Pietro Marcello, Maurizio Braucci e Gennaro Carillo introdurranno la proiezione di Bella e Perduta (2015, 87’), film di Pietro Marcello nel quale il regista intesse una narrazione dedicata al Real Sito di Carditello, poetica interpretazione della complessa relazione tra natura, patrimonio artistico e paesaggio in Italia. Inoltre, sarà presentato il cortometraggio L’umile Italia (2014, 10’) con la regia di Pietro Marcello e Sara Fgaier, realizzato con i filmati storici dell’Istituto Luce, attraverso il quale i due autori restituiscono lo scenario dell’Italia rurale e della vita contadina. Il tema dei Dialoghi è Le Metamorfosi, inteso come mutazione di forma o rivelazione di una forma originaria ma riposta. Collocate tra natura e artificio, scienza e mito, storia e arte, le metamorfosi si prestano a una riflessione ampia sui temi della forma, dell’abitare lo spazio e, soprattutto, della hybris, come dismisura, oltranza, arroganza di cui – per una legge di necessità – si finisce per subire il ritorno. Evidenti le implicazioni eticopolitiche, o civili, se si vuole usare un lessico vichiano: anche la trasformazione violenta del paesaggio o le mutazioni antropologiche hanno a che fare con la metamorfosi. Non ultima, tra i motivi ispiratori, la ricorrenza dei duemila anni della morte di Ovidio. Con lui, mediatore formidabile tra grecità e latinità, si celebra uno dei classici che più hanno inciso sulla memoria culturale dei moderni. Mutamento e territorio saranno il fulcro della proposta culturale anche degli altri appuntamenti, possibili grazie all’impegno organizzativo di Agenda 21 per Carditello e al supporto tecnico di Coldiretti Caserta. Uno spazio sarà dedicato, di volta in volta, alla presentazione dei prodotti d’eccellenza del territorio, offerti, in questo primo incontro, dall’azienda vinicola Tenuta Fontana ed il caseificio San Salvatore. Per la proiezione dei film Bella e Perduta e L’umile Italia la Fondazione si avvale del patrocinio dell’AGIS – Campania e dell’organizzazione tecnico-scientifica di Giuseppe Colella, Presidente di Coordinamento Festival Cinematografici Campania, e di Rete Audiovisivi Caserta, in collaborazione con Avventurosa, Rai Cinema, Istituto Luce Cinecittà. Calendario dei prossimi Dialoghi di Carditello: • sabato 8 aprile, ore 10.30 – Per amore del mio popolo. Don Peppino Diana. Attualità di una testimonianza. Incontro con Don Paolo Dell’Aversana e Raffaele Sardo. Letture di Enrico Ianniello • sabato 22 aprile, ore 10.30 – Spartaco. Problemi sociali tra due Italie: genesi e sviluppi di una rivolta. Incontro con Giovanni Brizzi. Introduce Mauro Felicori, Direttore della Reggia di Caserta • sabato 6 maggio, ore 10.30 – Incontro con Antonio Biasiucci e Antonio Pascale • sabato 20 maggio, ore 10.30 – Atteone. Immagini di una colpa tragica, incontro con Gennaro Carillo, letture di Roberto De Francesco • sabato 27 maggio, ore 10.30 – Incontro con Suor Rita Giaretta e Monica Coretti. Conclusioni di Nadia Verdile Info e prenotazioni: Real Sito di Carditello, via Carditello, San Tammaro (CE) Posti limitati – prenotazione obbligatoria all’indirizzo [email protected] Sito web: www.fondazionecarditello.org Facebook: www.facebook.com/FondazioneRealSitoDiCarditello/?fref=ts

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru