• Ven. Ott 22nd, 2021

Santa Maria Capua Vetere. Emergenza rifiuti in Campania, Cosentino al processo attacca il centrosinistra

DiThomas Scalera

Feb 12, 2016

Schermata 2016-02-04 alle 09.08.51
SANTA MARIA CAPUA VETERE. “E’ stato il centrosinistra con la sua opposizione alla costruzione di impianti a far scoppiare il ciclo dei rifiuti in Campania. Senza impianti e con l’immondizia per strada, la conseguenza è stata che la camorra si è inserita nel settore guadagnando con i trasporti”. Così l’ex sottosegretario del Pdl Nicola Cosentino al processo in corso al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere in cui è imputato per concorso esterno in associazione camorristica. Cosentino, tuttora detenuto al carcere di Terni, ha risposto per la quarta udienza di fila alle domande del suo legale Stefano Montone. Al centro delle domande il contratto che la Fibe sottoscrisse con la Regione allora governata da Antonio Bassolino, che era anche commissario per l’emergenza rifiuti, che “prevedeva in origine – ha spiegato Cosentino – la realizzazione di due termovalorizzatori, uno ad Acerra e l’altro a Battipaglia, e di sette Cdr, tre nel napoletano e gli altri nelle quattro province campane. Già quando appose la firma nel 2000, Bassolino sapeva che difficilmente il contratto sarebbe stato applicato, in quanto i partiti che lo sostenevano, ad iniziare dai Verdi, erano contrari alla termodistruzione e premevano per la differenziata. Alla fine accadde che il primo cdr fu realizzato in neanche un anno nel Casertano, a Santa Maria Capua Vetere, a riprova che io non ho mai contrastato la Fibe, nonostante la Dda sostenga il contrario, mentre nelle altre province, a causa delle proteste politiche e di piazza, rimase tutto fermo e per almeno due anni non si realizzò nulla, né gli impianti né la differenziata; tra l’altro in quel periodo furono chiuse anche le discariche. Bassolino, come Commissario, avrebbe potuto rivolgersi al ministero dell’Interno e inviare i militari per consentire la realizzazione degli impianti, come fece Berlusconi quando inviò l’esercito ad Acerra per ultimare i lavori del termovalorizzatore; ma per motivi politici Bassolino non si mosse. Eppure – ha concluso Cosentino – con gli impianti realizzati sono certo che la camorra non avrebbe fatto nulla perché non ci sarebbe stato nulla da guadagnare“.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru