• Sab. Ott 16th, 2021

Santa Maria Capua Vetere. Sequestrava le donne e le violentava: arrestato il “mostro” di Santa Maria

DiThomas Scalera

Dic 30, 2016

SANTA MARIA CAPUA VETERE. I carabinieri di Santa Maria Capua Vetere hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per i reati di violenza sessuale aggravata, lesioni personali, sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia emessa nei confronti di Vincenzo Cioffi. 

Le indagini sono partite a seguite delle denunce sporte da due vittime, che risultano non conoscersi fra di loro, la prima nel periodo di maggio-giugno la seconda nel periodo di luglio-agosto. Secondo la ricostruzione dei fatti Cioffi si guadagnava la fiducia delle vittime e le ospitava in casa per poi segregarle e abusarne sessualmente.

La prima vittima era costretta a rimanere in casa senza possibilità di contattare i famigliari anche se si trovava in stato di gravidanza. Alla donna venivano negate anche le visite ginecologiche e infatti era giunta al parto in pessime condizioni sanitarie. Approfittando dell’assenza del sequestratore la vittime era riuscita a fuggire rifugiandosi dai propri parenti.

La seconda vittima risulta essere una minorenne rumena anch’essa tenuta segregata in casa. Dietro le minacce di un coltello, percosse e persino bruciature di sigarette la donna veniva costretta a compiere atti sessuali. Il “mostro” di Santa Maria aveva sigillato la propria abitazione con travi di legno, chiodi e lucchetti, ma la donna era riuscita a fuggire quando l’uomo aveva dimenticato di chiudere la porta. Sulla vittima sono state trovate lesioni gravissime.

Una terza vittime di Cioffi è risultata essere la madre che veniva percossa con schiaffi e pugni e costretta a vivere in un clima di terrore e ansia.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru