• Mar. Ago 9th, 2022

Scoperto un allevamento abusivo a Sant’Agata de’ Goti

SANT’AGATA DE’ GOTI (BN). I Carabinieri Forestali, con l’ausilio dei medici veterinari dell’Asl di Benevento, hanno svolto nel Comune di Sant’Agata de’ Goti degli accertamenti finalizzati alla corretta gestione degli allevamenti zootecnici e sul benessere degli animali. Dalle verifiche condotte si è accertato che in un’area di particolare interesse paesaggistico vi era la presenza di un allevamento costituito da più di cinquanta suini e caprini, gestito abusivamente, dato che oltre all’assenza del previsto codice aziendale per la detenzione dei capi, non è stato possibile identificare gli stessi e risalire alla provenienza. Tutti i capi sono risultati privi di tracciabilità, allevati in promiscuità e detenuti in un’area recintata, cosparsa anche da residui plastici di imballaggio del pane. Inoltre, è stata accertata sia la presenza di strutture in muratura e ferro del tutto abusive sia la presenza di varie tipologie di rifiuti urbani e speciali non pericolosi abbandonati sul suolo. I controlli in tale settore proseguiranno costantemente in quanto gli allevamenti clandestini di animali, destinati alla macellazione, costituiscono un serio pericolo per la salute dei consumatori. I 50 capi suini/caprini sono stati sottoposti a sequestro sanitario.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Redazione V-news.it

Il bot redazionale