• Ven. Dic 9th, 2022

Seconda giornata di ritorno del campionato di Serie A

Presentazione della seconda giornata di ritorno del campionato di Serie A

(Di Genesio Tortolano). Il secondo turno di ritorno del campionato di Serie A, è caratterizzato da incontri interlocutori sul piano dell’interesse mediatico e collettivo, fatta eccezione per due big match. Osservando l’ordine cronologico delle gare in programma, questa volta, sono tutte  domenicali. Ad aprire le danze alle 12,30, saranno due partite e per l’esattezza, Empoli – Sassuolo e Venezia – Milan. Partiamo da quelle teoricamente con minore appeal, poichè non coinvolgono formazioni in lotta per le posizioni nobili della classifica e cioè, le gara dello stadio Castellani, tra gli azzurri toscani del lungimirante e sagace patron Fabrizio Corsi, che ospitano il frizzante team neroverde del Sassuolo del tecnico Alessio Dionisi. Due compagini che fino ad ora hanno avuto un eccellente cammino alle luce dei loro obiettivi stagionali, nonostante non hanno a propria disposizioni un badget sproposito ed di conseguenza un organico stratosferico, ma con il lavoro eccellente dei loro preparatissimi tecnici, Aurelio Andreazzoli per quel che concerne, l’Empoli e l’esordiente nella massima serie, il sopraccitato Alessio Dionisi per quanto riguarda il Sassuolo. Il traguardo finale per loro, è quello di restare fuori dalle sabbie mobili della bassa classifica ed sfornare giovani da crescere e successivamente vendere per mantenere sempre il bilancio in attivo. Questo  risultato non sarebbe certamente poco, per due squadre della piccola provincia italiana. La gara comunque si annuncia godibile per due undici che hanno nel loro credo un calcio propositivo improntato alla continua ricerca della vittoria senza speculare. Presentando l’altro lunch match, per l’esattezza, quello dello Stadio Penzo tra i lagunari del Venezia e il Diavolo rossonero del Milan, si può certamente dissertare su una considerazione che appare scontata e cioè che gli ospiti allenati da Stefano Pioli, si presenteranno in campo contro gli arancioneroverdi di mister Paolo Zanetti con il pronostico che gli vede largamente favoriti, poichè avranno dalla loro, oltre ad una superiore qualità sul piano strettamente tecnico, anche una splendida posizione di classifica che li vede tallonare ad una sola lunghezza di distanza la capolista, Inter che però, ha disputato una gara in meno dei suoi diretti avversari. Il Venezia, dal canto suo, spera di ripetere i fruttuosi match contro Roma e Juventus che gli hanno portato onore gloria e ben 4 punti, rispettivamente tre con i capitolini ed uno con i piemontesi. Due ore più tardi, alle 14,30, sono in calendario altri due match, quello dell’Unipol Domus, rigorosamente tutto a tinte rossoblù, tra Cagliari e Bologna. Il team sardo allenato da Walter Mazzarri, punta al bis, dopo il preziosissimo successo conseguito in trasferta per 1 – 2, al Luigi Ferraris, contro il sodalizio blucerchiato dal nuovo patron Marco Lanna, mentre il Bologna, è incappato nel riposo forzato imposto dall’ASL della sua città che gli ha impedito di scendere sul proprio rettangolo di gioco del Renato Dall’Ara, contro l’Inter. Il match dello Stadio Grande Torino, tra i granata del tecnico balcanico Ivan Juric e i viola della Fiorentina, del trainer Vincenzo Italiano, si prevede molto interessante e denso di spunti sotto il profilo tecnico. Alle 16,30, scocca l’ora di altre due gare, quella tra il Napoli e la Sampdoria e quella che vede opposte Udinese e Atalanta. La prima, vede i partenopei, reduci dall’ottimo pareggio per 1 – 1 all’Allianz Stadium contro la Juventus, intenzionati a capitalizzare al meglio il fattore campo che potrebbe risultare determinante, grazie al contributo preziosissimo del calorosissimo pubblico dello Stadio Diego Armando Maradona. Nell’altra metà campo, la  compagine blucerchiata, che arriva con il morale a terra, poichè reduce dal ko casalingo al Luigi Ferraris contro il Cagliari, maturato con il sopraccitato risultato di 1 – 2. Per quanto concerne, invece il confronto in programma nell’impianto friulano della Dacia Arena, tra i bianconeri del patron Giampaolo Pozzo e la Dea neroazzurra, l’Atalanta del presidente Antonio Percassi, si presenta gradevole, sia sul piano tecnico, nonchè estetico con gli ospiti favoriti per la migliore qualità del loro organico. Alle 18,30, luci accese sul derby ligure, tra i rossoblù del Genova e i bianconeri dello Spezia che va in scena nel catino del Luigi Ferraris. L’incontro si prevede contrassegnato da un sostanziale equilibrio. Nel medesimo orario, lo stadio Olimpico, che presto potrebbe essere intitolato al Re delle notti magiche azzurre ribattezzato il Pablito nazionale, al secolo Paolo Rossi, capocannoniere del Mondiale dell’82, spalanca le sue porte al match tra i giallorossi dello Special One, Jose Mourinho e la Vecchia Signora in bianconero, la Juventus di Massimiliano Allegri. Questa gara, vede scontrarsi le più grandi delusioni del campionato, sia in termini di gioco, che di punti. Alla luce delle similitudini sul piano delle difficoltà, sfociate nella crisi atavica attuale, non è lecito attendersi una grande partite, anche perchè i due tecnici, hanno una mentalità di gioco sparagnina e speculativa. Tra le attenuanti per i sopraccitati allenatori, le palesi carenze di organico non corrette in sede di mercato, dalle rispettive società e che potrebbero essere sanate nell’attuale mercato di gennaio, donando nuova linfa vitale ad entrambi gli organici che, oltre ai difetti conclamati, appaiono appassiti sul piano della vitalità, brillantezza e creatività e qualità dei loro attuali interpreti. Il turno, si completa con il duplice posticipo delle 20,45 che vede in scena al Marcantonio Bentegodi, le formazioni di Verona e la Salernitana, e il match clou tra la prima della classe, l’Inter di Simone Inzaghi e la Lazio di Maurizio Sarri. Il primo incontro, appare dall’esito segnato, poichè i gialloblù scaligeri allenati da Igor Tudor, veleggiano vicini alla zona Europa, mentre la compagine granata campana è in enorme difficoltà, visto che si trova sul fondo della classifica. Per quest’ultima formazione, urgono rinforzi per continuare a sperare in una salvezza, che vista la situazione attuale, avrebbe del miracoloso. Per quanto riguarda la gara del Meazza, i neroazzurri dell’Inter, vogliono i tre punti per restare ancora in beata solitudine al comando della classifica, mentre i biancocelesti ospiti, vanno a caccia della vittoria che potrebbe consentire di avvicinarsi alla zona Champions League. 

Print Friendly, PDF & Email
Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Redazione V-news.it

Il bot redazionale