Ven. Mag 29th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Sessa Aurunca. Debito record per fine anno

3 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Sessa Aurunca . Una fine anno che non promette nulla di positivo per il Comune di Sessa Aurunca.

Infatti, con la delibera del 4 Novembre 2019, la Corte dei Conti aveva chiesto al Comune di effettuare, entro 60 giorni, azioni correttive per il risanamento dell’equilibrio di Cassa, il ricalcolo del fondo Crediti di dubbia esigibilità ed il ripristino del disavanzo di Amministrazione 2017.

La ricognizione di debito è stata portata a termine per analizzare la condizione attuale . Con tutte le procedure del caso. Purtroppo però nei 60 giorni previsti dalla legge non è stato possibile risanare i debiti che si sa, da anni, gravano sulle casse comunali. Ciò che non era chiaro fino ad oggi , è che il debito attuale risale a 12.794.030,82 di euro. L’Ente nonostante i provvedimenti attuati non può far fronte a tale squilibrio finanziario. Non ci sono entrate tali da ridurre questa cifra.

Inoltre allo stato attuale, c’è una forte carenza di liquidità. Questi fattori espongono il Comune al rischio di dissesto finanziario.

Il debito purtroppo non è di poco conto, come si pensava, ma la situazione è allo stato attuale , dura ed insanabile per il nostro Comune.

Da come si evince dal verbale della Corte dei Conti, non risulta possibile superare tutto ciò con le misure attuate fino ad ora (art.193 e 194 T.U.E.L.).

Si attende adesso che venga redatto un piano di riequilibrio che deve essere preventivamente verificato dal Ministero dell’Interno. Seguiremo gli sviluppi. In attesa che inizi un anno migliore per il nostro Comune e di conseguenza per il nostro territorio.

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close