NewsPoliticaSessa AuruncaTerritorio Aurunco

Sessa Aurunca. Giallo dimissioni e la crisi politica attuale

La situazione politica attuale a Sessa Aurunca

SESSA AURUNCA. Tensione all’interno della maggioranza: il primo cittadino Silvio Sasso pensa addirittura alle dimissioni; questo è il sunto, della situazione politica sessana allo stato attuale delle cose.

Da qualche giorno si susseguono voci ed articoli di stampa in cui si tracciano tutti i possibili scenari, senza mai, venire a capo della situazione. E’ la “forza” della politica, che mai parla, ma riesce comunque a portare avanti la propria idea di potere malgrado la confusione del popolo che ancora una volta è disorientato difronte a determinate scelte.

Il “pomo della discordia” questa volta è il reintegro in giunta dell’ex assessore Tommasina Casale che nel periodo estivo aveva ressagnato le proprie dimissioni per incongruenza di pensiero rispetto allo smantellamento dell’ex edificio scolastico sito in Fasani. L’assessore in quota Passione Democratica da mesi sta portando avanti una battaglia che ai molti sembra superlfua, ma che nella fattispecie sta facendo traballare l’amministrazione ormai da mesi. In pratica si chiede l’abbattimento della struttura in favore della costruzione di un’area parcheggio. Tale questione ha lasciato strascichi ed anche un rimpasto di giunta che ha visto l’assessore entrante Stefania Pellegrino, che con un’estate sprint organizzata tra Teatro Romano e Duomo di Sessa Aurunca, sorpassare nei gradimenti popolari proprio Tommasina Casale. A questo punto entra in scena anche l’Onorevole Gennaro Oliviero che di certo non può incominciare la propria campagna elettorale per le regionali del 2020 con la sua amministrazione in preda ad una “crisi di nervi”, e con un alleato fuori dallo scacchiere di potere, ragion per cui pare che stia chiedendo il reintrego dell’ex assessore cellolese con molta veemenza. Vedendosi messo con le spalle al muro, dunque, il Sindaco nella giornata di mercoledì scorso ha incominciato a far trapelare la notizia di una clamorosa dimissione.

Anche se molte testate on-line hanno dato la notizia per certa, le fonti ufficiali si sono trincerati dietro un “niente di ufficiale. Queste sono incomprensioni normali di un gruppo che piano piano rientreranno”.

Ad onor del vero l’avvocato Sasso non è nuovo ad uscite del genere. Ricordiamo ad esempio la crisi del marzo 2017 quando egli dalle colonne del suo profilo Facebook scrisse: <<Per le note vicende interne alla maggioranza ho rassegnato stasera le mie dimissioni>>. In quel caso ci fu una vera e propria sfiducia nei confronti del Primo Cittadino che fu firmata da Massimo Schiavone ed altri dissidenti. Ovviamente una volta appianate le questioni interne, ossia le cariche di assessori e capisettore che chiedeva il gruppo Schiavone insieme all’accoppiata Vernile-Casale, tutto rientrò e si è proseguito fino ad oggi con una nuova crisi che sta acceddendo gli animi della politica sessana.

Sasso ha provato più volte a fare la voce grossa e a dimostrare la propria leadership, ma in un sistema politico come quello attuale in cui chi comanda non è chi ci mette la faccia ma bensì chi riesce a portare avanti una politica clientelare, basta un niente per finire sotto scacco, e l’immagine del Sindaco sessano oggi appare come un’immagine di un uomo solo al comanda di un impero di cartapesta.

Intanto, l’unica notizia ufficiale è la convocazione del consiglio comunale per i giorni quattro e cinque novembre. Una rarità di questi tempi visto che a Sessa Aurunca l’Assise sembra essere un contorno più che il centro dell’attività di governo della città; e udite udite cosa c’è all’ordine del giorno? “Fermare l’attacco turco in Siria”. D’accordo la pace nel mondo, ma di questi tempi e con questa crisi politica istituzionale che sta accompagnando tutta la traversata dell’Amministrazione Sasso, veramente questa pare essere una notizia “alquanto buffa” ( per usare un eufemismo).

La politica è l’arte di dire tante cose per non fare mai niente, è questa storia è l’ennesima conferma di un sistema marcio nelle fondamenta e che sta attecchendo tutto l’apparato sociale del territorio: il tutto, ovviamente, a discapito del cittadino che continua ad essere confuso e preso in giro.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Comments are closed.