• Lun. Ago 15th, 2022

Sessa Aurunca. Incendiarono il ristorante Theatro: arrestati i piromani

Denunciata anche una persona

SESSA AURUNCA. I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia di Sessa Aurunca hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare, emesse dal tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta della Procura, a carico di Luigi Perrone, 54 anni, domiciliato a Giugliano in Campania e già detenuto per altra causa, e Carmine Giglio, 29 anni, di Quarto, già detenuto ai domiciliari. E’ stata inoltre denunciata una terza persona in stato di libertà.

Gli indagati, in concorso tra loro, sono ritenuti responsabili del tentativo di incendio e del successivo rogo doloso del ristorante Theatro di Sessa Aurunca, fatti commessi mediante due distinte dinamiche criminali, il 28 ed il 31 agosto 2018.

Le persone tratte in arresto, secondo le indagini coordinate dalla Procura, hanno cosparso di liquido infiammabile e dato alle fiamme più punti del dehor del ristorante, realizzato in legno e teli di plastica, così provocando un incendio di proporzioni tali da mettere in pericolo la pubblica incolumità; il rogo fu estinto solo grazie all’intervento dei vigili del fuoco che impedivano che le fiamme potessero propagarsi alle abitazioni adiacenti ed agli autoveicoli parcheggiati nelle vicinanze.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Redazione V-news.it

Il bot redazionale