• Mar. Ago 16th, 2022

La città di Sessa Aurunca si accende per Lello Arena ed Enzo Avitabile

SESSA AURUNCA (di Genesio Tortolano). La città di Sessa Aurunca nel proseguo del palinsesto denso di eventi culturali ha spalancato le porte al duo composto da Lello Arena ed Enzo Avitabile. Il primo è conosciuto per l’accattivante simpatia e nasce artisticamente come cabarettista, poi regista, sceneggiatore, fumettista, nonchè conduttore televisivo di successo. Lanciato come è noto nell’universo artistico e divenuto celebre nel panorama nazionale per essere stato uno dei componenti dello storico trio “La Smorfia”, insieme al mitico e compianto ed indimenticabile ed inimitabile Massimo Troisi ed a Enzo De Caro. L’eclettico Enzo Avitabile, musicista, compositore, sassofonista, nonchè cantautore. Lo spettacolo andato in scena nel consueto e caratterizzante stadio Cappuccini, ha vissuto e si intersecato tra momenti tipicamente di stampo teatrale, con sprazzi di cabaret e intensi ritmi  musicali, caratterizzati brani tipicamente napoletani, dal pezzi jazz fusion, soul,  funky ed altri piacevoli contenuti.  Anche in questa circostanza il numeroso pubblico che ha fatto da degna cornice è stato trascinato a fare da degna cornice allo spettacolo dei due artisti partenopei che hanno confermato la propria vocazione e versatilità. Ricordo dai risvolti toccanti, struggenti quello di Massimo Troisi e Pino Daniele,  densi di emozioni forti visibile sincere affettive di vicinanza, dai marcati contorni e tratti filiali, fraterni, racchiusi nell’animo sensibile del pubblico presente che scorrendo a ritroso le gesta artistiche sul palcoscenico dei due giganti della cultura intesa come massima espressione del teatro, cinema, musica e dell’arte in generale dell’italico stivale. A rendere maggiormente sincero e profondamente vero quell’angolo dei ricordi tramutato per incanto nell’emozione di un istante come un attimo fuggitivo, fotografato dalla mente, è il veder gli occhi dei presenti, rapiti, estasiati e solcati da una tenerissima emozione. Molti del pubblico avevano il volto rapito e attanagliato dai ricordi limpidi e cristallini con i quali sfruttando un’immaginaria macchina del tempo  con questa avevano viaggiato a ritroso nella memoria e nei loro ricordi giovanili, adolescenziali e della piena maturità, pensando a questi artisti senza tempo che hanno lasciato una traccia ed una scia di luce luminosa nell’arte che non svanirà mai restando per sempre.  

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Redazione V-news.it

Il bot redazionale