• Ven. Ott 22nd, 2021

Sessa Aurunca. Reati ambientali: sequestrato un opificio artigianale

DiThomas Scalera

Ago 6, 2019

L’opificio sotto sequestro operava nel settore della falegnameria

Sul posto i Carabinieri Forestali di Roccamonfina

SESSA AURUNCA. I Carabinieri Forestali di Roccamonfina, nel corso di un controllo presso un opificio artigianale sito in località Pimpinella nel comune di Sessa Aurunca, operante nel settore della falegnameria, hanno accertato illecità nei riguardi della normativa ambientale.

Infatti, durante l’accertamento è stato rilevato che l’opificio in questione non era in possesso nè della documentazione attestante il corretto smaltimento dei rifiuti prodotti e nè dell’autorizzazione nei riguardi delle emissioni in atmosfera.

Inoltre è stata rilevata la presenza, nell’area di pertinenza della struttura di un quantitativo di circa 3-5 mc di rifiuti speciali di varie tipologie depositati in maniera incontrollata (ceramiche, parti di porte in alluminio, parti di porte in legno, serramenti vari, parti di tavolame di legno, barattoli di vernici, cassette in plastica, mobilio e parti di esso, parti di pedane in legno, scarti di legno in disuso, lamiere, un seggiolino per auto, parti di scaffalatura in metallo, uno penumatico, teloni in plastica, parti di infissi, ecc.).

I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Roccamonfina hanno quindi provveduto ad effettuare il sequestro giudiziario di iniziativa della struttura in muratura di circa 50 mq adibita a falegnameria, dell’area esterna di pertinenza dell’opificio avente una superficie totale di circa 105mq e dei rifiuti su di essa depositati in maniera incontrollata, ed il titolare dell’opificio è stato denunciato in stato di libertà per gestione illecita di rifiuti speciali e per emissioni in atmosfera in assenza della necessaria autorizzazione.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru