• Dom. Ott 24th, 2021

Sessa Aurunca. Chi ha visto il Presidente del Consiglio Comunale? Manca da sette mesi in città

DiThomas Scalera

Gen 30, 2017

Da sette mesi il Comune di Sessa non ha un Presidente del Consiglio.

 

Art. 39 (D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) Presidenza dei consigli comunali e provinciali. – 1. I consigli provinciali e i consigli comunali dei comuni con popolazione superiore a 15.000 abitanti sono presieduti da un presidente eletto tra i consiglieri nella prima seduta del consiglio. Al presidente del consiglio sono attribuiti, tra gli altri, i poteri di convocazione e direzione dei lavori e delle attività del consiglio. Quando lo statuto non dispone diversamente, le funzioni vicarie di presidente del consiglio sono esercitate dal consigliere anziano individuato secondo le modalità di cui all’art. 40. Nei comuni con popolazione sino a 15.000 abitanti lo statuto può prevedere la figura del presidente del consiglio. 2. Il presidente del consiglio comunale o provinciale è tenuto a riunire il consiglio, in un termine non superiore ai venti giorni, quando lo richiedano un quinto dei consiglieri, o il sindaco o il presidente della provincia, inserendo all’ordine del giorno le questioni richieste. 3. Nei comuni con popolazione inferiore ai 15.000 abitanti il consiglio è presieduto dal sindaco che provvede anche alla convocazione del consiglio salvo differente previsione statutaria. 4. Il presidente del consiglio comunale o provinciale assicura una adeguata e preventiva informazione ai gruppi consiliari ed ai singoli consiglieri sulle questioni sottoposte al consiglio. 5. In caso di inosservanza degli obblighi di convocazione del consiglio, previa diffida, provvede il prefetto.

A Sessa Aurunca sta succedendo un qualcosa di veramente incredibile. Come si evince dall’articolo sopra citato, il presidente del consiglio deve essere eletto tra i consiglieri nella prima seduta del consiglio. La giunta Sasso si è insediata in assise il giorno 8 luglio 2015 : sono passati esattamente SETTE mesi (oltre 200 giorni) , e del famoso presidente del consiglio comunale nemmeno l’ombra.
E pensare che erano state fatte promesse a destra e a manca nei primi famosi cento giorni, manco si trattasse dell’inizio dell’anno mille; “fulmini e saette” erano stati assicurati ai cittadini sessani. Ad oggi, intanto, la cittadina è in preda ad una crisi politica a dir poco sconcertante, con una maggioranza divisa ( e di pochi giorni fa la notizia della “scissione” dei due consiglieri nel circolo “ANGELO VASSALLO” Mimmo Bevellino e Maria Teresa Sasso ) con un’opposizione alquanto “ballerina” , eccezion fatta per l’ex sindaco Luigi Tommasino e Alberto Verrengia che per ragioni molto diverse ( soprattutto per il Verrengia) continuano la strenua lotta contro “le furbate della giunta Sasso”.
Ma ritorniamo alla questione di partenza. Perché, ad oggi, dopo circa duecento giorni dall’insediamento Sessa Aurunca non detiene il personale e famoso presidente del consiglio comunale? Sappiamo delle delicate questioni di cui si dovrebbe occupare chi detiene la carica, e sappiamo anche che il Presidente del consiglio sarà l’unico dei consiglieri ad avere una “paga degna e fissa” (con uno stipendio che oscilla tra gli 800 e i 1300 euro circa) per tutta la durata della giunta: IMMAGINATE QUINDI LA RESSA INTORNO A QUESTA CARICA.
Nell’ultimo consiglio comunale è andata in scena un’altra puntata di questa “soap opera” che non sembra avere tramonto, infatti il consiglio comunale era pressoché vuoto (di nuovo e per l’ennesima volta) con il Sindaco e il suo “fedelissimo” consigliere Marcigliano ad annotare e ad rinviare per l’ennesima volta l’elezione. E pensare che per eleggere il presidente della commissione trasparenza bastarono NOVE minuti di ritardo del consigliere Verrengia (già allora spiegammo con un articolo le mille perplessità riguardo all’accaduto) . Siamo soltanto all’inizio di una “epopea” destinata a perdurare nel tempo, perché è chiaro lo “stallo politico” , l’aria nebulosa che si aggira intorno al “GRANDE PALAZZO DEL POTERE”.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru