• Mar. Ago 9th, 2022

Sessana, il cuore non basta: è 0-0 contro il Villa Literno

La Sessana getta il cuore oltre l’ostacolo ma è sfortunata contro la capolista Villa Literno

SESSANA: 0 Mormile, Di Iorio, Lunardo, Celio, Micallo (14′ Abate; 79′ Talitro), Esposito G, Bianco (74′ Cimorelli), Otranto, Marraffino, Fava (80′ Mugione), Nugnes (54′ Nardi). All. Teta. A disp. Zippo, Esposito B, Monaco Di Monaco, Verdolotti.

VILLA LITERNO: 0 Ciontoli, Giannetti, Scognamiglio D, Acampora (59′ Marino), Pellini, Laezza (79′ Silvestro), Architravo, Russo, Annunziata, Scielzo, Scognamiglio P (45′ Laureto). All. Di Pasquale. A disp. Orefice, Diana, Galloppa, Marsicano, Albano.

ARBITRO: Francesco De Sio di Salerno

ASSISTENTI: Vincenzo Tallarico di Ercolano – Cristian Sgariglia di Napoli

NOTE : AMMONITI: Celio, Otranto, Marraffino (SES); Scognamiglio D, Laezza, Architravo, Scielzo (VIL)

ESPULSO: Di Iorio (SES) per doppia ammonizione

CORNER: 1-1

SESSA AURUNCA (di Genesio Tortolano). Esordisce con un pareggio per 0 – 0 la nuova avventura in panchina per il nuovo mister della Sessana Teta, che nel match interno contro la capolista Villa Literno pareggia per 0 – 0, al termine di un match ben giocato dai gialloblù di casa che alla luce di quanto visto in campo avrebbero meritato i tre punti. L’allenatore del sodalizio aurunco, schierava i suoi con il 4-3-3. Per la cronaca, il trio offensivo era formato dal rientrante Bianco, da Nugnes e Marraffino. Con il medesimo assetto tattico, replicava il tecnico ospite Di Pasquale, con il tridente composto da Annunziata, Scielzo e Scognamiglio, che era delegato a creare pericoli per la retroguardia aurunca. 

Veniamo alla cronaca fin dalle prime battute il match si mostrava vibrante sotto il profilo temperamentale, con le due squadre che mantenevano un atteggiamento abbottonato per evitare di sbilanciarsi e conseguentemente prestare il fianco all’avversario. Il Villa Literno provava timidamente ad affacciarsi nella metà campo dei padroni di casa, ma non creava particolari patemi d’animo all’attento estremo difensore Mormile, quest’ultimo era impeccabile nelle traiettorie aeree. Al minuto 14′, la compagine gialloblù della Sessana, si vedeva costretta ad effettuare il primo cambio, poichè Micallo abbandonava il terreno di gioco  per infortunio  ed entrava al suo posto Abate. La Sessana, quando accelerava, impensieriva la retroguardia liternese, che era costretta ad usare le maniere forti con alcuni falli che costavano l’ammonizione, sia ad   Architravo che a Laezza. Al 36′, l’episodio che poteva cambiare l’inerzia dell’incontro e sbloccare il risultato : Bianco tagliava il campo ed andava a raccogliere un pallone in profondità, quest’ultimo con indosso la casacca numero sette, operava un cross, la sfera veniva impattata con il braccio da Pellini, l’arbitro Francesco De Sio della sezione di Salerno, non esitava ed indicava la massima punizione. Dal dischetto si incaricava della trasformazione Enrico Marraffino che si trovava  contro l’ex di turno Ciontoli che riusciva ad ipnotizzare il numero nove che calciava sopra la traversa, salvando la capolista dalla capitolazione. Sfumava così, una ghiotta opportunità per la Sessana. Nei restanti minuti non accadeva nulla e si andava al riposo sullo 0-0. 

Ad inizio ripresa, la Sessana rimaneva in dieci uomini per il doppio giallo comminato a Simone Di Iorio, il terzino destro fermava la ripartenza di Scielzo, che da abile mestierante si procurava il fallo, colpendo con il braccio l’avversario sotto il collo, l’arbitro Francesco De Sio di Salerno non ravvisava il malizioso colpo dell’attaccante che aveva adoperato per tenere a distanza l’esterno avversario e sanzionava soltanto l’irregolarità del calciatore aurunco e lo spediva anticipatamente sotto la doccia. Nonostante l’inferiorità numerica, la Sessana era protagonista di un’ottima prestazione e si affacciava sistematicamente dalle parti di Ciontoli, mentre il Villa Literno ci provava praticamente soltanto in fase di ripartenza. A venti minuti dalla fine occasione per i padroni di casa della Sessana : punizione di Marcello Fava sulla quale si inseriva Vincenzo Bianco che da ottima posizione non riusciva a trovare l’impatto giusto con il cuoio che sarebbe valso il goal del vantaggio. Trascorrevano altri dieci minuti e per la precisione all’80’, giungeva la replica dei biancorossi del Villa Literno, praticamente l’unico acuto di marca ospite con il tiro da posizione invitante, poichè all’interno dell’area piccola, di Scielzo che veniva respinto, sia dal laterale basso Cimorelli che dal portiere dei locali Mormile che in presa bassa bloccava la sfera. La sfortuna si accaniva sui gialloblù, quando all’83’, il nuovo entrato Mugione da fuori area trovava la conclusione giusta, la traiettoria del pallone sembrava abbassarsi inesorabilmente verso la rete, ma invece si stampava sulla traversa e ritornava beffardamente in campo, tra la disperazione dei tifosi aurunci. Nei sei minuti di recupero, la Sessana spingeva alla ricerca del meritato vantaggio, senza però trovare l’occasione giusta per realizzare la rete che avrebbe consentito di incamerare la vittoria. Terminava, così  senza reti il match dello stadio “Ernesto Prassino”, non bastava per i gialloblù una grande prestazione poichè, venivano fermati soltanto dalla sfortuna. 

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Redazione V-news.it

Il bot redazionale