• Mer. Giu 29th, 2022

Al “San Giacomo” di Puglianello pareggia in rimonta la Sessana contro i padroni di casa mantenendosi al quarto posto

POLISPORTIVA PUGLIANELLO: 2 Di Matteo, Iannotta, Capossela, Palma (70′ Plenzick), Gioventù, Simone, Di Santo, Florio (65′ Fasulo), Ferrante (83′ Dragone), Zerillo, Izzo (74′ Nostrale). All. Ventura. A disp. Morriello, Nuzzi, Rea, Mastroianni, Pascale.

SESSANA: 2 Mormile, Di Iorio, Lunardo, Celio, Micallo, Zamparelli, Bianco, Fava, Nugnes, Mugione, Marraffino. All. Capaccione. A disp. Zippo, Nardi, Cimorelli, Esposito B, Talitro, Romano, Verdolotti.

ARBITRO: Vincenzo Oliva di Nocera Inferiore

ASSISTENTI: Pasquale Di Matteo di Napoli – Gennaro Borriello di Torre del Greco

RETI: 1′ Di Santo (PUG); 32′ Zerillo (PUG); 67′ Fava (SES); 69′ Marraffino (SES)

NOTE : AMMONITI: Palma, Capossela, Plenzick (PUG); Nugnes, Mugione, Celio (SES)

ESPULSI: Simone, Zerillo (PUG); Bianco, Zamparelli (SES); Zippo (SES) dalla panchina

CORNER: 7-1 per la Sessana

RECUPERO: 5′ PT; 4′ ST

PUGLIANELLO (di Genesio Tortolano). La Sessana impatta in trasferta con il risultato di 2 – 2 , nel catino del ” San Giacomo ” contro il team giallorosso locale del Puglianello. Per quanto concerne le formazioni, gli ospiti hanno dovuto rinunciare  per infortunio ad Abate, Monaco Di Monaco e Otranto e ad Esposito per squalifica, ha debuttato nel contempo il nuovo acquisto Micallo che ha affiancato Zamparelli, formando la nuova cerniera centrale, difensiva della compagine gialloblù ospite. I padroni di casa, si sono affidati alle due punte Fusco e Zerillo, con Izzo e Ferrante sugli esterni, nel 4-4-2 del nuovo allenatore Ventura. 

Nel primo tempo, il match è contrassegnato da venti minuti di ritardo, a causa della sostituzione di due terzi della terna arbitrale e i “subentranti”, sono apparsi decisamente poco vogliosi di scendere in campo. Trascorrono soltanto trenta secondi e i padroni di casa si portano prontamente in vantaggio: fallo di Zerillo su Zamparelli non sanzionato, lo stesso attaccante opera un traversone al centro dell’area di rigore, dove imperioso stacco di testa del capitano Di Santo che insacca la sfera alle spalle dell’estremo difensore ospite Mormile. La gara è combattuta ed i gialloblù sono costretti a rincorrere lo svantaggio. Alla mezz’ora, entrambe le squadre restano in dieci uomini per il rosso diretto, comminato dal direttore di gara Vincenzo Oliva di Nocera Inferiore nei riguardi dei calciatori Simone per i locali sanniti e Bianco per la Sessana, per reciproche scorrettezze. Un “classico” giallo per entrambi, avrebbe sedato senza alcun dubbio gli animi, ma l’arbitro Oliva, della sezione di Nocera Inferiore, opta esageratamente per il cartellino rosso. Al 32′ i locali del Puglianello raddoppiano: l’azione si sviluppa sul settore di destra con Ferrante, quest’ultimo serve l’accorrente Zerillo che con una precisa conclusione di piatto destro infila il pallane nell’angolino basso, per il 2-0 giallorosso e partita che sembra in discesa. Primo tempo incredibile, poichè al 35′ i sanniti rimangono addirittura in nove per il fallo di Zerillo su Celio. Per l’autore del secondo goal del Puglianello doccia anticipata. Al minuto 41, i gialloblù ospiti hanno l’occasione per riportarsi in partita con il numero undici Marraffino , che ben servito in profondità, non riesce a trovare la via della porta, visto che, la sua conclusione verso la porta avversaria, da soltanto l’illusione del goal. E’ l’ultima occasione di un primo tempo dai toni molto accesi. La Sessana, grazie alla superiorità numerica, si riversa in avanti alla ricerca della rete che potrebbe riaprire la gara. Al 57′, gli ospiti gialloblù protestano per il fallo non decretato su Simone Di Iorio, nella circostanza in viene ala, quest’ultimo viene atterrato in area, l’arbitro clamorosamente lascia proseguire, con la complicità dell’assistente che pur avendo campo libero e la possibilità di segnalare non segnala la scorrettezza. Un minuto dopo, è la dea bendata a voltare  le spalle ai gialloblù, poichè l’imperioso stacco di testa di Enrico Marraffino colpisce il montante. Gli ospiti spingono sull’accelleratore e il loro arrembaggio, viene premiato al 67’minuto, quando Marcello Fava trova in area la deviazione vincente sugli sviluppi di un corner di Mugione. La marcatura vale il 2-1. La Sessana,  rinvigorita si riversa ancora di più nella metà campo avversaria e due minuti più tardi e cioè al 69′, è ancora la sfortuna a negare la rete ai gialloblù ospiti : palla al limite dell’area per Mugione che calcia, ma la sfera colpisce il palo, con l’estremo difensore locale Di Matteo immobile ed impietrito ormai rassegnato al peggio, la palla ritorna in area dove, dopo una serie di deviazione, Marraffino è il più lesto di tutti nel trovare la conclusione vincente per il 2-2. La Sessana riesce così a rimettere nei canoni dell’equilibrio la partita e “fiuta” il colpaccio. Al 76′ la Sessana si rende minacciosa con la conclusione di Nicola Celio dal limite dell’area che viene sventata dal portiere beneventano che respinge lateralmente. All’80, arriva la ghiotta occasione negli spazi larghi, lasciati dalle maglie difensive allentate dei padroni casa e capita sui piedi di Enrico Marraffino, che dall’interno dell’area di rigore, non riesce ad inquadrare lo specchio della porta. Nell’ultimo assalto, quasi al tramonto del match, la Sessana rimane in nove uomini per il rosso diretto a Zamparelli. La partita subisce un fisiologico rallentamento, visto il grande sforzo fisico profuso da entrambe le squadre e complice un caldo inatteso. Al 92′, l’assistente commette una topica colossale, fermando in posizione regolarissima Mugione lanciato a tu per tu con il portiere, dimenticandosi della posizione di Gioventù che lo teneva nettamente in gioco. L’incontro dal duplice volto, si chiude sul risultato di parità di 2-2. Resta l’amarezza, poichè il match non è stato così cattivo sul piano disciplinare come recita il tabellino dei cartellini. Le due squadre, insieme alle rispettive società, hanno dimostrato di essere di ben altra categoria. Discorso di tenore totalmente diverso, per quanto concerne la pessima terna arbitrale, che con il suo disastroso operato non ha minimamente rispettato le due squadre presenti sul rettangolo di gioco e soprattutto fuori dallo stesso, pronunciando frasi e illazioni molto gravi, meritevoli dell’intervento della procura federale.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Redazione V-news.it

Il bot redazionale