• Sab. Ott 23rd, 2021

SI APRE UNO SPIRAGLIO PER L’ANTICA CALES

DiThomas Scalera

Dic 11, 2014

IL COMUNE DI CALVI RISORTA, LA FEDERICO II E LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA, PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA, INSIEME IN UN CONVEGNO SU CALES

10850702_690184417762907_1005463387_n

Presso la Seconda Università di Napoli, Dipartimento di Lettere e Beni Culturali di Santa Maria Capua Vetere, si è tenuto, ieri, 9 dicembre, un convegno dal titolo: “Per Cales, il recupero di una grande colonia latina”. Sono intervenuti la Preside della Facoltà Universitaria, Prof.ssa Stefania Quilici Gigli, il Soprintendente Dott. Antonio Salerno, l’Arch. Alfredo Maciariello, l’Archeologa Dott.ssa Antonella Tomeo, la Dott.ssa Martucci, la Prof.ssa Renda e il Sindaco del Comune di Calvi Risorta, Dott. Giovanni Marrocco.

antica-cales

Un evento che rimarrà nella storia e che segna l’inizio di una nuova era. Dopo anni di indifferenza e di assenza da parte delle precedenti amministrazioni, per la prima volta il Comune di Calvi Risorta siede al tavolo con la Seconda Università di Napoli e la Soprintendenza archeologica, in modo paritario. Nel dibattito, gli interventi di Martucci, Tomeo e Maciariello hanno riguardato la parte tecnico-storica dell’ area, in modo particolare del teatro romano. Il Dott. Salerno e la Dott.ssa Quilici Gigli, ognuno, in riferimento all’ente di appartenenza, ha discusso dell’impegno che intende assumersi per ripristinare e valorizzare il sito archeologico dell’antica Cales. Il Comune di Calvi Risorta, dal suo canto, ponendosi in una posizione paritaria con entrambi gli enti, si dichiara essere un valido partner per la realizzazione di progetti ambiziosi uno dei quali è la creazione di un parco archeologico. Infatti il Sindaco, Dott. Giovanni Marrocco, da ex Presidente dell’Associazione culturale Demetra, ha tenuto a precisare “di avere, nel mio piccolo, già contribuito a valorizzare parte dell’area archeologica di Cales, organizzando attività di grande spessore culturale, nelle quali sono stati coinvolti centinaia di turisti, accollandoci, previa autorizzazione della soprintendenza, l’onere del ripristino”. Lo stesso Sindaco, oggi, da amministratore, si impegna a continuare sulla stessa scia, consapevole che il patrimonio archeologico rappresenta una grande ricchezza culturale ed economica per il nostro paese, oltre che un patrimonio da difendere e da sviluppare, per cui sottolinea che è “nostro obiettivo non solo favorire il ripristino e lo sviluppo della parte archeologica, ma inserirsi in un contesto di crescita più ampio di itinerari turistici ed enogastronomici”. Un obiettivo che il Sindaco, come membro di un’associazione, stava rincorrendo già da alcuni anni, con “l’adozione” temporanea del teatro romano e successivamente con incontri informali con la Preside e il Soprintendente. Quindi, Marrocco, si ritiene soddisfatto, perché il convegno è la risultanza di anni di impegno e di dedizione verso una terra che per troppo tempo è stata abbandonata a se stessa, deturpata, e che aspira al meritato riscatto. Lo stesso, ponendosi come interlocutore primario nella realizzazione del progetto con la Soprintendenza e l’Università, si impegna, fondi permettendo, a favorire la realizzazione di attività per il miglioramento dell’area e si impegna, altresì, a collaborare con gli enti preposti evitando sovrapposizioni e dispendio di energia, coinvolgendo, successivamente, come supporto, le varie associazioni presenti sul territorio, consapevole che la collaborazione è fondamentale per arrivare all’obiettivo finale.

A conclusione il Sindaco ringrazia la Prof.ssa Quilici Gigli e il Soprintendente Dott. Salerno con l’auspicio che i prossimi appuntamenti possano tenersi nel Seminario 700esco o nel Castello Aragonese.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru