Ven. Set 20th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Spagna. Due mastini bordolesi uccidono madre e figlia. Il dramma

2 min read
mastini bordolesi 

Uno spiacevole episodio accaduto vicino Madrid, zona di Balcon del Tajo precisamente a Colmenar de Oreja.

Una famiglia distrutta dal dolore, due mastini allevati hanno aggredito madre e figlia.

Le donne, 57 e 41 anni sono morte per le ferite gravi ed  i corpi sono stati dilaniati.

Nessuno riesce a spiegare il motivo di quanto accaduto perché nella tenuta sono presenti altri animali e questi due molossi non hanno mai mostrato cenno di aggressività né verso i loro simili né verso la famiglia che li aveva accolti. Infatti i due mastini coinvolti erano in questa famiglia da cuccioli, quindi conoscevano e si fidavano delle vittime e viceversa i padroni dei loro animali.

 I due cani sono stati allontanati dall’abitazione e sono stati portati al canile. 

Il problema più grande che affligge queste famiglie che scelgono di vivere con animali di grossa taglia è l’educazione cinofila che a volte scarseggia.  Questi cani hanno una tipologia caratteriale particolare tendente all’essere gelosi e possessivi quindi, sarebbe necessario una buona formazione da parte di chi di dovere. I volontari che sì prestano a seguire le famiglie che adottano animali dal temperamento particolare sono tanti, in modo tale che il nuovo arrivato possa risultare adeguato alla convivenza con altre persone e soprattutto con i bambini. A grande richiesta  dalle famiglie che scelgono cani di questa tipologia durante l’acquisto da privati o allevamenti, ci sono gli educatori cinofili. Una figura di grande importanza per chi adotta un animale con un bel caratterino. In Italia a prendere in mano la situazione sono le numerose associazioni animaliste e di volontariato che sono a favore dell’adozione di animali abbandonati, indipendentemente dalla taglia e dall’età.

I volontari sono sempre presenti per  dare appoggio e sostegno alle famiglie per permettere al nuovo arrivato di ambientarsi nella nuova famiglia così che non ci siano problemi relazionali o situazioni di forte pericolo.

LEGGI ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open