• Dom. Ott 24th, 2021

Il sindaco di Sparanise Salvatore Martiello ha revocato la sua ultima ordinanza

SPARANISE. Si ritorna alla normalità per quanto attiene l’apertura degli esercizi commerciali e delle altre attività ritenute indispensabili dal decreto legislativo sull’emergenza Coronavirus. Con la revoca della sua ultima ordinanza il primo cittadino di Sparanise Salvatore Martiello ripristina l’apertura giornaliera degli esercizi commerciali.

È stato pubblicato in data odierna sulla gazzetta ufficiale il Decreto Legge 19 che all’art 2 lettera U prevede tra le possibili misure adottabili la “limitazione o sospensione delle attività commerciali di vendita al dettaglio, a eccezione di quelle necessarie per assicurare la reperibilità dei generi agricoli, alimentari e di prima necessità da espletare con modalità idonee ad evitare assembramenti di persone, con obbligo a carico del gestore di predisporre le condizioni per garantire il rispetto di una distanza di sicurezza interpersonale predeterminata e adeguata a prevenire o ridurre il rischio di contagio”.

Alla luce di questa previsione normativa si è provveduto alla revoca dell’ordinanza 37 del 22 marzo 2020.

Il provvedimento si rendeva necessario per diverse ragioni:

…Da verifiche empiriche si è registrata un’anomala frequenza di acquisto dei cittadini che si recano tutti i giorni presso gli stessi punti vendita, anche più volte nella stessa giornata, aumentando la frequenza di uscita, creando un anomalo traffico sia veicolare che pedonale, ed esponendo così essi stessi e gli operatori degli esercizi commerciali ad elevati rischi di contagio. Tale situazione non essendo frutto di una fisiologica esigenza di approvvigionamento di generi alimentali, ma solo motivo di elusione delle norme sulla limitazione degli spostamenti intra-comunali, può essere calmierata solo con una limitazione del numero dei giorni di apertura dei punti vendita.

…Pur avendo la piena coscienza di quanto sia fondamentale che il servizio di vendita dei generi alimentari continui ad essere garantito, è necessario ed indispensabile garantire, salvaguardare e tutelare, in particolar modo, la salute e la sicurezza dei lavoratori del settore alimentare e dei beni di prima necessità che lo rendono fruibile per tutti e di riflesso della stessa clientela, con la possibilità di maggior esposizione al contagio.

…Un flusso anomalo inter-comunale di “clienti” dai comuni limitrofi che hanno adottato diversi provvedimenti che limitano i giorni/orari. Nei giorni/orari in cui sono impossibilitati a fare la spesa nei loro comuni di residenza, si recano a Sparanise a fare i loro acquisti “necessari alla suasistenza” senza contravvenire ad alcuna disposizione di legge vigente.

Alla luce di tutto quanto sopra, la revoca della limitazione dell’apertura degli esercizi commerciali di Sparanise produrrà un anomalo e pericoloso traffico pedo-veicolare nonché un pericoloso traffico da altri comuni.

In ultimo ci tengo a rappresentare che l’impianto normativo attuale, svuotando i sindaci di qualsiasi potestà di intervento a livello locale li rende: mire di pur comprensibili sfoghi dei cittadini sui “mancati” controlli che, un comando di Polizia Municipale composto da 4 agenti, rende praticamente impossibili su un territorio composto da 18km di strade, impotenti di fronte alle falle lasciate sulla generalizzata “necessità” degli acquisti ed impotente di fronte alla inaccettabile pericolosità della presenza di cittadini sul territorio della quale il governo centrale e quello regionale si dovranno assumere tutte le responsabilità. Che dio ce la mandi buona!

Noi siamo convinti che andrà tutto bene ma solo se ognuno farà la sua parte.

#adràtuttobene
#iorestoacasa

Il sindaco dr. Salvatore Martiello

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.