• Sab. Ott 23rd, 2021

Sparanise. Sparanise: che aria tira? Domani l’assemblea pubblica presso l’Aula Consiliare

DiThomas Scalera

Gen 27, 2017

SPARANISE. A partire dal 2008 lo stato della qualità dell’aria nel Comune dell’Agro caleno desta forti preoccupazioni. Diossidi di azoto ma, soprattutto, polveri sottili (PM10) ammorbano l’aria che respiriamo fino a consegnare, negli ultimi anni, a Sparanise il triste primato di essere uno tra i comuni maggiormente inquinati della Campania.

Mentre i movimenti territoriali difendono con la mobilitazione il territorio da nuovi impianti tanto inquinanti quanto inutili, scarsi risultati hanno conseguito i rari interventi posti in essere negli anni dalle istituzioni.

Il traffico elevato, il riscaldamento domestico e la presenza di impianti industriali, tra cui la centrale termoelettrica da 800 MW, le principali fonti di inquinamento poste sotto accusa.

A fronte di tale situazione è giunto il momento di prendere parola e, dopo la vittoriosa lotta contro la centrale a biomasse di Iavazzi e la mobilitazione per lo spegnimento della fumarola tossica alla ex-Pozzi, è doveroso rinnovare il nostro impegno a difesa della qualità dell’aria ridando la parola alla comunità e rafforzando il controllo popolare che comitati e movimenti quotidianamente esercitano.

Di questi e di altri temi discuteremo SABATO 28 GENNAIO DALLE ORE 18,30 presso l’AULA CONSILIARE DEL COMUNE DI SPARANISE

Ricostruiremo la situazione degli ultimi anni, analizzeremo, con l’ausilio di medici ed esperti, gli effetti ed i rischi sulla salute umana di tale livello di inquinamento e ci confronteremo su proposte e percorsi da intraprendere per risolvere un problema divenuto oramai insostenibile.

TUTTA LA CITTADINANZA È INVITATA A PARTECIPARE

SPAZIO C.A.LeS. (ex Ragioneria Occupata)
via Fabbrica delle Armi bianche, Sparanise

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru