• Sab. Giu 25th, 2022

Nunzia Covelli, la mamma di Ciro Modugno: «Hanno rubato per due volte la statuina di Gesù»

«Hanno rubato per due volte la statuina di Gesù che avevamo messo accanto alla panchina in onore di mio figlio Ciro. Quando l’ho scoperto, mi è preso un colpo al cuore». Così Nunzia Covelli, la mamma di Ciro Modugno, il 15enne vittima di un terribile incidente stradale a Casal di Principe, in provincia di Caserta. Il furto è avvenuto per ben due volte.
Spiega mamma Nunzia: «Il 4 aprile, su richiesta della Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada e dell’Associazione Mamme Coraggio e Vittime della Strada è stata inaugurata una panchina bianca in memoria di mio figlio, ucciso da un’auto guidata da una persona che aveva bevuto troppo e fatto uso di droghe. In quell’occasione mi è stata donata una bellissima statuina di cemento del nostro amato Gesù. È stata benedetta e posizionata sulla aiuola a fianco alla panchina».
«Purtroppo», continua Nunzia Covelli, «viviamo in una società brutta, dove non c’è rispetto nemmeno per Nostro Signore. Il 3 maggio ho scoperto che era stata rubata. Per me è stato un colpo terribile, poiché già sto subendo la grande ingiustizia di vedere l’assassino di mio figlio ancora ai domiciliari. Per me è stato come ricevere l’ennesima coltellata. Tuttavia, non mi sono fatta prendere dallo sconforto: ne ho comprata un’altra uguale e l’ho messa al posto di quella trafugata. A distanza di poche settimane, nella notte tra il 17 e il 18 maggio, la nuova statuina è sparita. Rubata anche questa. Purtroppo sul corso Umberto non ci sono telecamere e per poter capire chi ha compiuto questo brutto gesto abbiamo dovuto scomodare i proprietari dei negozi per chiedere di poter visionare i filmati delle loro telecamere. Ho presentato regolare denuncia ai carabinieri», conclude mamma Nunzia, «Quella statuina ha un grande valore affettivo per me e per la comunità di Casal di Principe, poiché appartiene a un angelo. Sottolineo che la morte di mio figlio non è stata di lezione, poiché ogni giorno su quella strada qualcuno rischia la vita. Sarebbe opportuno installare al più presto telecamere, anche per tutelare i ragazzi ed evitare altre morti come quella di Ciro».

Una richiesta che è condivisa dall’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada ODV e dall’Associazione Mamme Coraggio e Vittime della Strada ODV, che attraverso i presidenti Alberto Pallotti ed Elena Ronzullo sottolineano la gravità di questo atto vandalico. «Vogliamo capire se questo gesto è legato a fattori religiosi», dicono Pallotti e Ronzullo, «oppure se è un atto contro le vittime della strada. Chi ha rubato la statuina per ben due volte lo ha fatto perché era un simbolo religioso oppure perché dà fastidio tutta l’opera di sensibilizzazione fatta per sostenere i familiari delle vittime e impedire che incidenti terribili come quello accaduto a Ciro avvengano nuovamente?».
I due presidenti aggiungono: «Bene ha fatto la famiglia di Ciro Modugno a sporgere denuncia ai carabinieri. Abbiamo appreso che, visionando i filmati delle telecamere dei negozi, si sarebbe arrivati a individuare i presunti responsabili. Speriamo sia davvero così. Soprattutto, vogliamo capire il perché di questo gesto. È un atto contro la Chiesa? In questo caso ci appelliamo al vescovo di Aversa, monsignor Angelo Spinillo, poiché rubare una statuina sacra è un segnale bruttissimo. La seconda ipotesi, cioè che sia un atto contro le vittime della strada, è ancora più terribile», continuano Pallotti e Ronzullo, «perché vorrebbe dire che a qualcuno non sta bene la battaglia fatta per avere giustizia, contro le lungaggini dei processi e per sensibilizzare la gente, anche coinvolgendo le amministrazioni locali affinché partecipino a iniziative come quella che stiamo portando avanti per posizionare panchine in memoria delle vittime della strada in tutta Italia».

«Personalmente sono amareggiato», aggiunge Biagio Ciaramella, vicepresidente dell’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada, «gesti come questo si potrebbero prevenire attivando le telecamere già installate, ma mai messe in funzione. Se fossero state attive, forse nessuno si sarebbe preso la briga di rubare quella statuina e, comunque, i responsabili sarebbero già stati presi. Faremo una segnalazione al sindaco e al prefetto perché vengano attivate al più presto le telecamere. Non solo per prevenire altri furti, ma per impedire altri terribili incidenti sulla strada».

Per info:
www.vittimestrada.eu
aifvsufficiostampa@vittimestrada.eu

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa