• Ven. Ott 22nd, 2021

Speciale Occupazione. Occupiamo il Paradiso, manifesto del Movimento Studentesco Casertano – Agitazione in tutte le scuole della Provincia (LE FOTO)

DiThomas Scalera

Nov 26, 2013

Pubblichiamo di seguito le motivazioni della protesta tanto richieste da chi voleva minimizzare o strumentalizzare questa campagna di occupazioni.

I giovani si sono svegliati ed evidentemente danno fastidio…

Ecco il comunicato stampa del MOVIMENTO:

 

 

Grande vittoria per gli studenti di Terra di Lavoro! Questa mattina, in numerosi istituti del casertano, sono state convocate delle assemblee d’istituto straordinarie, per discutere della fase storica di passaggio e cercare di capire come andare a intaccare le contraddizioni sistemiche e costruire un fronte comune di opposizione sociale. Le assemblee, che hanno visto la piena partecipazione della componente studentesca mediante numerosi interventi, hanno sviscerato una serie di problematiche che travalicano il mero studentismo, ponendosi in una prospettiva politica più ampia basata sulla volontà del movimento studentesco di rapportarsi e convergere con tutte le lotte che attraversano i nostri territori. Uno dei temi centrali delle assemblee è stato quello ambientale. Partendo da una analisi del corteo di #fiumeinpiena contro il biocidio, tenutosi a Napoli lo scorso 16 novembre, gli studenti hanno sottolineato che le responsabilità dello scempio ambientale in Campania sono politiche e che è necessario rifiutare ogni trattativa con le istituzioni, che sono state accondiscententi e conniventi con coloo che per anni hanno speculato sui nostri territori. In questo scenario, appare determinante il ruolo delle comunità, le cui volontà sono vincolanti in merito alle decisioni che riguardano i nostri terrori. Ci si è espressi soprattutto sul tema delle bonifiche, rivendicando la necessità che queste siano effettuate sotto stretto controllo popolare, affichè non rappresentino l’ennesima occasione per i soliti noti di trarre profitto. Altro problema di cui si è discusso è la necessità di garantire un salario minimo europeo intercategoriale a tutti i precari e disoccupati pari al livello salariale dei lavoratori del resto dell’Unione Europea. Gli interventi degli studenti sono stati scanditi  degli slogan “chi ha inquinato deve pagare” e “salario garantiro, salario sociale”. Gli studenti hanno espresso anche la loro assoluta solidarietà e complicità con gli studenti napoletani, oggetto di una violenta repressione e criminalizzazione da parte delle istituzioni e delle forze dell’ordine, in occasione delle occupazioni dei loro istituti e della manifestazione dello scorso 15 novembre. Al termine della discussione gli studenti hanno espresso la volontà di occupare i propri istutiti e autogestirne la didattica, utilizzando una pratica di lotta di cui nella provincia di Caserta ci si è riappropriati solo lo scorso anno. Quella dell’occupazione, dunque, appare l’unica possibilità di lotta che ci rimane per paralizzare l’istituzione scolastica e creare realmente conflitto sociale, portando avanti delle rivendicazioni determinate ed eterogenee, auspicando ad un percorso di sintesi e di unità tra tutti i soggetti politici in lotta.

Siamo stanchi dell’inferno in cui ci volete confinare, adesso occupiamo il paradiso!

Movimento Studentesco Casertano

Itis FALCO

 

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru