Agro AversanoAversacampaniaNewsSocietàSolidarietàspettacolo

Orta di Atella. Stupenda serata tra musica e riflessioni sull’autismo

Successo per la serata di ieri sera in via Clanio in città

Un ideale connubio tra sensibilizzazione sull’autismo e musica si è svolto per lo speciale evento organizzato dalla realtà associativa dei genitori di soggetti autistici, del presidente Michele Pisano

ORTA DI ATELLA. Un ideale connubio tra sensibilizzazione sull’autismo e musica ha preso vita ieri sera all’interno del locale atellano ‘ HOSTERIA ATELLANA’ per lo speciale evento organizzato dalla realtà associativa dei genitori di soggetti autistici di Orta di Atella guidata dall’instancabile presidente Michele Pisano.

IL NOTO PRESENTATORE ETTORE DIMITROFF CON IL PRESIDENTE MICHELE PISANO

Tantissime le persone che non sono volute mancare all’appuntamento, che si è aperto con uno spazio di riflessione sul tema dell’autismo, con lo scopo di informare e sensibilizzare attivamente le persone intervenute su una realtà ben presente nell’attuale società moderna ma ai più purtroppo ancora sconosciuta. Significativa, in tal senso, la testimonianza del noto presentatore  Ettore Dimitroff che ha partecipato alla serata raccontando l’amicizia nata con Michele Pisano presidente della realtà associativa cittadina atellana ‘Bambini simpatici e speciali’

.

“Il nostro autismo è quello dei più tosti – ha evidenziato ad inizio serata il presidente Pisano – fatto di notti in bianco, di crisi aggressive e di solitudine. Per questo la condivisione umana è così importante. Sapere di poter avere un luogo dove i nostri ragazzi possono giocare, fare attività fisica e scaricare la tensione che hanno dentro è per noi un grande sollievo”.

Lo scopo della serata era quello di far interagire tutti noi con ambiti diversi di discussione per contrastare pregiudizi e paure legati alla non conoscenza della disabilità. <<Ci occupiamo di tutti questi ragazzi presenti ha espresso Pisano perché vogliamo creare sinergie con le realtà pubbliche e private del territorio>>. Ringrazio tutti i partecipanti alla cena speciale ha poi concluso Pisano lasciando la parola al vicepresidente associativo Angelo Di Fabio che ha ribadito con decisione la sua valida felicità ai nostri canali di comunicazione: “L’ associazione nasce per la sana realizzazione della integrazione dei disabili ed autistici nella nostra società, siamo partiti dalle esigenze più elementari. Intorno a noi c’era il vuoto. I bambini con disabilità ed autismo necessitano di progetti specifici. Il supporto deve essere quotidiano. E deve interessare non solo il bambino ma tutto il nucleo familiare. Servono quindi oggi risorse importanti, esperienza, personale qualificato, luoghi adatti. Non avevamo niente di tutto questo. Abbiamo cercato già di costruire qualcosa. Vivendo sempre a contatto tra di noi afferma ancora Di Fabio abbiamo avuto fin dall’inizio un grosso vantaggio. Sapevamo sempre che cosa potevamo fare per loro. Nelle piccole cose di ogni giorno. Quelle che oggi fanno sempre la differenza». 

“Siamo sempre vicini alla società civile – è il commento della giovanissima volontaria Mariagrazia Caiazza – Nel caso specifico abbiamo ritenuto di creare questa manifestazione ringraziando i titolari del locale per poi partire dal basso in modo da poter regalare ai bambini ed alle loro famiglie che vivono una situazione di disagio un momento meraviglioso, di vita normale. A questo appello hanno risposto in tanti, significa che esiste una sensibilità sociale e civile che ci spinge ad andare avanti in questa direzione”.

“Questa iniziativa nasce prima di tutto perché vogliamo che la nostra società hanno affermato invece Francesca Naviglio, Fiorella Parretta, Rosaria Pirozzi e Pasquale Lupoli sia sempre attenta al sociale – I quattro hanno poi espresso un nuovo pensiero importante- Il nostro lavoro non finirà mai fino a quando le altre realtà presenti in città, non si uniranno a noi per creare un minimo di impatto sociale per la nostra collettività.

“Una bellissima iniziativa hanno affermato invece i due artisti intervenuti ieri da Mediaset e Casa Sanremo dopo la loro esibizione musicale: l’artista partenopeo Umberto Sanslemo e la sua fidanzata ed artista anche lei Serena Nardi – la nostra esibizione è stata colorata meravigliosamente da tanti aspetti che partivano da quello musicale che attira soprattutto i giovani grazie anche alla rete, oggi tra spettacolo associazioni, ed artisti che si è venuto a creare ieri sera. L’ aspetto umanitario afferma Serena Nardi invece è importante perché oggi bisogna essere pronti a qualsiasi cosa dando informazioni utili su un problema così grande come l’autismo”.

“Eventi come questo ha affermato ancora la Nardi ai nostri canali di comunicazione sono importanti- perché quando l’arte abbraccia argomenti di questa portata bisogna sempre essere presenti, perché l’argomento dello spettro autistico, e in più generale della disabilità, e neurodiversità interessa tutti noi, certamente la presa in carico del bambino passa sempre per la partecipazione di attori importanti che sono i genitori, la scuola, i servizi sanitari. Non bisogna poi dimenticare ha ribadito ancora Serena Nardi che i bambini trascorrono la maggior parte della giornata all’interno della società reale quindi per poter sensibilizzare la società reale diventa per noi personaggi dello spettacolo uno scopo utile e necessario per aiutarli concretamente.”

“Una serata bellissima ha concluso dopo l’esibizione degli artisti Pisano– Alla serata erano presenti anche il sindaco di Orta di Atella Andrea Villano, e l’Assessore alle Politiche Sociali della città di Crispano. L’ arte deve essere sempre sociale- Ringrazio ha affermato ancora Pisano i titolari del locale, ma soprattutto mi rivolgo alle famiglie a voi che siete stati ieri sera con i nostri ragazzi i protagonisti assoluti. Queste iniziative di solidarietà non finiranno, lo spettacolo ci insegna a stare insieme, al rispetto degli altri, delle regole, conoscere meglio se stessi e le proprie conoscenze, conoscere i propri limiti e le proprie possibilità. Conoscere e dare sempre ad ognuno il proprio spazio per dare un contributo alla soluzione di un problema comune. Quindi i ragazzi disabili ed autistici per concludere devono sempre trovare le proprie possibilità di esprimersi dando un forte contributo per crescere bene e migliorare la propria comunità sociale attuale, vogliamo rifarci al modello cittadino di Telese Terme dove gli organizzatori hanno creato per i disabili ed i ragazzi autistici nella città sannita un mondo a colori.”

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Giacinto Di Patre
La stampa fa paura. Anche a me. In genere non modifica le situazioni, non ha quel potere che la leggenda le attribuisce, ma può distruggere una persona. Se sbaglia, sono guai. E poi, non ci sono rimedi, anche quando tenta di riparare. La tv moltiplica addirittura l'effetto, per quel tanto di 'ufficialità' che si porta dietro. Una volta si commentava: "Lo ha detto la radio", ed era una patente di credibilità. Adesso quel che più conta, e fa opinione, è il nuovo mezzo.

    Comments are closed.