• Sab. Ott 23rd, 2021

Svolta la seconda edizione della "Partita del Cuore" a Caserta. Ecco i particolari

DiThomas Scalera

Mag 16, 2017


Ennesimo evento di beneficenza a cui Caserta ha risposto subito “presente”. Mercoledì 3 maggio si è giocata allo stadio Pinto la seconda edizione della Partita del Cuore, a cui hanno aderito numerosi e provenienti da tutte le scuole di Caserta. L’evento, svoltosi già nell’aprile dello scorso anno tra una squadra di soli studenti Casertani e l’altra dei soli giocatori della Casertana Calcio, quest’anno ha aperto il “campo” a squadre miste. Entrambe infatti hanno accolto calciatori professionisti e studenti, a sostegno della semplice voglia di divertirsi anche se per e soprattutto raccogliere fondi, principale obiettivo dell’evento, dimostrando, è il caso di dirlo, vero spirito di squadra! Il ricavato infatti è stato devoluto all’Associazione San Francesco, che da anni sostiene le fasce più deboli del territorio casertano. A rappresentare l’Associazione erano presenti anche alcuni ragazzi del Liceo “Manzoni”, impegnati nell’attività di volontariato all’interno dell’alternanza scuola-lavoro, i quali hanno anche accompagnato in campo alcuni bambini facenti parte della stessa onlus. L’atteso omaggio a Fausto Mesolella, musicista casertano amato da tutti e deceduto da poco più di un mese, previsto prima della partita, è saltato a causa della pioggia. I bersaglieri hanno suonato l’Inno Nazionale e un gruppo di ragazzi ha musicato e cantato la canzone “Sofia”, popolare brano musicale di Alvaro Soler. Non solo calcio, quindi, in quella che è stata a tutti gli effetti una giornata di festa oltre che di beneficenza! Per la cronaca, la partita si è conclusa con la vittoria netta della squadra dei bianchi. A seguire festeggiamenti con l’associazione San Francesco e conferenza stampa

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru