Comunicati Stampa

Tempo Rosso si mobilita: “Stessa tempesta ma barche diverse”

Il CSOA al fianco di chi è in difficoltà a causa della pandemia

Chiesti interventi urgenti in aiuto di poveri, lavoratori, disoccupati, commercianti

PIGNATARO MAGGIORE – Tempo Rosso si mobilita per l’emergenza sanitaria. Ci risiamo, la retorica del sacrificio inizia a farsi sentire di novo. Questa volta spalleggiati da un’emergenza sanitaria i grandi affaristi, gli industriali, i banchieri, i grandi imprenditori, inizieranno a parlare di sacrifici condivisi per ripartire, dicendo che siamo tutti sulla stessa barca.

Mentre governi, nazionale o locali che siano, continuano a ripeterci che gli aiuti ci sono, noi continuiamo ad affondare. Intanto la salute di chi lavora passa in secondo piano rispetto agli interessi di Confindustria e molti di noi si vedono costretti ad accettare la riapertura nonostante il rischio sanitario perchè non abbiamo alternative.

NON È VERO CHE SIAMO TUTTI SULLA STESSA BARCA!

La tempesta che stiamo vivendo è indubbiamente la stessa, ma siamo su barche totalmente differenti, i disoccupati, i lavoratori, i cassintegrati, le casalinghe, i commercianti delle piccole attività di paese di sicuro non sono sulla stessa barca di chi guadagna milioni, se non addirittura miliardi, ed invoca aiuti statali per far ripartire le proprie attività in barba alle esigenze sanitarie di chi ci lavora.

I SOLDI DEVONO ESSERE DATI IN BASSO NON IN ALTO!

Noi stiamo dalla parte di chi è in difficoltà, di chi non arriva a fine mese, di chi a fine di questa storia probabilmente dovrà chiudere la sua piccola attività. Fino ad ora abbiamo preferito il silenzio, anche noi eravamo concentrati sull’emergenza sanitaria ed i percorsi di solidarietà, consapevoli che non ancora possiamo scendere in strada fianco a fianco per chiedere a gran voce ciò che ci spetta.

Proponiamo a tutte e tutti di iniziare una campagna mediatica che ci porterà ad affrontare la grande crisi sociale post covid che ci aspetta. Costruiamo un presidio multimediale sui nostri canali social in cui ognuno di noi porti il proprio punto di vista accompagnato da una foto con un cartello che recita la scritta: “siamo tutti/e nella stessa tempesta, ma su barche differenti”.

Non lasceremo che una crisi sanitaria, che già ci ha dimostrato come la distruzione della sanità pubblica gravi sulle spalle di tutti e tutte, sia l’ennesimo meccanismo di accumulazione di profitti. Ora è il momento di redistribuire la ricchezza, solo un reddito incondizionato ci potrà salvare, far ripartire l’economia non può significare dissanguare lavoratori, disoccupati o piccoli commercianti.

A tutti gli abitanti dell’Agro Caleno ed oltre diciamo che noi ci saremo sempre, il nostro posto sarà sempre la barricata fin quando ci sarà da lottare per un posto più giusto in cui vivere. Invitiamo tutti e tutte a partecipare al “presidio web” mentre attendiamo di poter scendere di nuovo in strada.

Usiamo tutte e tutti l’hashtag #stessatempestabarchediverse per raccogliere insieme le testimonianze e iniziare a ricreare connessioni tra noi anche nei tempi del distanziamento sociale.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Comunicato Stampa
I comunicati stampa

    Comments are closed.