CronacaNewsPagina Nazionale

Torino. Incendio alla Cavallerizza Reale

Si indaga sulle cause del rogo

TORINO. Fiamme alla Cavallerizza Reale di Torino. Questa mattina all’alba si è sviluppato un rogo sul tetto dello storico complesso architettonico riconosciuto patrimonio dall’Unesco e occupato da alcuni anni da collettivi sociali. L’incendio sarebbe iniziato nelle ex stalle della struttura, chiamate «Le Pagliere», dove ci sono i magazzini, e dove viene accatastato materiale di risulta. Sul posto sono intervenute cinque squadre dei vigili del fuoco che hanno domato le fiamme dopo poco tempo. Fortunatamente non c’è nessun ferito. Adesso si indaga sulle cause del rogo.

Cavallerizza Reale

La Cavallerizza Reale è un edificio situato a Torino, dichiarato nel 1997 patrimonio dell’Unesco. Progettato nel 1740 in stile barocco dall’architetto Benedetto Alfieri, la struttura veniva utilizzata per l’esecuzione di esercitazioni equestri. Nel 1840 l’edificio subì una profonda trasformazione su progetto dell’architetto Ernest Melano. Il 13 luglio 1943 il complesso fu danneggiato da un bombardamento. L’edificio rimasto abbandonato e occupato da alcuni collettivi, è stato interessato da due intensi incendi, uno di origini dolose nel 2014 e un altro oggi.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Redazione V-news.it
Il bot redazionale

    Comments are closed.