• Mer. Ott 27th, 2021

Cardito. Bimbo ammazzato con la scopa, trasferita in una struttura la sorella di 8 anni

Il sindaco di Cardito ha proclamato il lutto cittadino per il giorno del funerale del piccolo bimbo ucciso

CARDITO- << La sorella minore è stata trasferita in una struttura sicura, lei è l’unica ad essere rimasta illesa dalla strage che ha colpito questa famiglia nel napoletano. Questa decisione è stata dichiarata ai canali di comunicazione da Giuseppe Cirillo, sindaco di Cardito, che oggi è stato all’ospedale Santobono di Napoli per verificare le condizioni della bambina di sette anni rimasta ferita ieri nel piccolo comune in provincia di Napoli in una tragedia familiare in cui ha perso la vita per le percosse subite suo fratello maggiore.

Una vicenda triste che ha sconvolto l’intera comunità di Cardito. Il primo cittadino ha anche evidenziato alle agenzie di stampa di conoscere l’uomo, il convivente della madre che da sempre accompagnava la donna ai servizi sociali per vicende poi completamente risolte. Il sindaco è ancora sconvolto, incontrava spesso Tony, non pensava che l’uomo arrivasse a compiere questo barbaro crimine>>. Il sindaco ha anche annunciato il lutto cittadino nel giorno dei funerali del piccino dichiarando ancora di essere pronto a <<mettere tutte le azioni disponibili sul tavolo – ha detto – vogliamo collaborare con la legge. Assurdo l’episodio di cronaca che ha colpito Cardito, nessun bambino può morire brutalmente così? La donna? non vi è nessuna notizia, questa mattina con la dirigente dei servizi sociali abbiamo visitato la bambina ferita, la piccola è in buone mani. Questa strage difficilmente verrà dimenticata, la città non riesce ancora a capire i motivi di questa violenza, i bambini non vanno toccati. >>

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru