• Lun. Ott 18th, 2021

TRE NUOVI EVENTI AL FERRARA ART FESTIVAL PRESSO PALAZZO DELLA RACCHETTA

DiThomas Scalera

Lug 22, 2015

Un mercoledì 22 luglio presso Palazzo della Racchetta di Ferrara dove ci saranno tre eventi consecutivi dove si intersecano teatro e letteratura, poesia, storia e pittura. Si comincia alle ore 19 con incontro letteral-teatrale a cura della associazione belga Session’e di Bossut, che affronta alcune pagine dell’Ulisse di James Joyce, sotto la regia di Vittorio Possenti, con letture di Enzo Lenzetti. Mentre alle ore 21.00 Virgilio Patarini presenta e inaugura la mostra d’arte contemporanea “Figure e Personaggi”, per poi coordinare l’incontro e il confronto tra tre autori e i relativi libri: Luciano Valensin e il suo libro di liriche e filastrocche “Le poesie di Lolli”, Maurizio Ganzaroli con la sua raccolta di racconti triller “Buoni motivi per non dormire” e Simone Zagagnoni e il suo romanzo storico “Il battaglione dimenticato” Una mostra che affronta il tema della figura in chiave moderna e si pone una semplice ma cruciale domanda: quando una figura dipinta diviene “personaggio”? Nelle opere qui selezionate oscillano tra un realismo quasi “magico” dai colori virati (Ratti) oppure caldi e accesi (Buschettu) ad una certa tendenza alla stilizzazione in chiave pop (Ferro e Ganzaroli), fino alla contaminazione tra scrittura e disegno (Cangelosi) . Esporranno i seguenti artisti : Tiziana Buschettu, Ivan Cangelosi, Davide Ferro, Maurizio Ganzaroli e Luigi Ratti. La mostra è cura di Virgilio Patarini.

cover ganzaroli

Luciano Valensin, pittore, poeta e regista teatrale di teatro per ragazzi è nato a Siena nel 1938, diplomato all’Istituto d’Arte di Siena nell’anno 1960, ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Firenze. Ha insegnato Disegno ed Educazione Artistica dal 1962 al 1970, interrompendo la continuità e trasferendosi per cure in Inghilterra, dove ha insegnato Lingua e cultura italiana presso l’ “Adult Education” di Gillingham (Kent). Ha frequentato i corsi di recitazione presso “Il Piccolo teatro” di Siena sotto la guida del Maestro C.Francini. Nel 1960 ha tenuto la prima personale di pittura a Siena, nel Chiostro di S.Andrea, alla quale hanno fatto seguito molte esposizioni a Siena, Firenze, Poggibonsi, Colle Val d’Elsa, Certaldo, Londra e infine Canterbury (invitato al Festival).  Nel 1972 è rientrato in Italia dove ha ripreso l’insegnamento, continuato fino al 1998. Dal 1980 al 1998 ha allestito molti spettacoli teatrali. Negli anni 1998-2000 ha diretto il Laboratorio teatrale della Scuola Media Statale A.di Cambio di Colle di Val d’Elsa, tenendo anche un corso di aggiornamento per i docenti delle scuole del Comune. Ha collaborato inoltre con la sezione di Tempo prolungato per la messa in opera dello spettacolo “La favola bella del gatto Zorba e della Gabbianella”, di cui ha redatto il testo. Ha inoltre continuato a svolgere attività presso la Scuola Media Marmocchi di Poggibonsi. Dal 1983 al 1987 ha diretto “Il Teatrino dei Marmocchi”. Ha scritto o adattato molte sceneggiature teatrali oltre che aver curato molte rappresentazioni di mimo . Ha partecipato a svariati concorsi di poesia riuscendo ad ottenere primi premi o importanti segnalazioni tra le quali “La Gibigiana”, il cui 1° Premio consisteva nella pubblicazione di un libro. I suoi interessi sono concentrati sulla preparazione e nella regia teatrale, lavorando con i suoi allievi del gruppo “L’Hippogriffe du reve”, che opera presso il Centro Danza Val d’Elsa a Poggibonsi, e la pittura alla quale ha dedicato tutta la sua vita. Nel 2002 ha vinto il primo premio assoluto di poesia “Anfiosso” a Roseto degli Abruzzi e segnalato in altri tre concorsi. Vive e lavora a Barberino Val d’Elsa

Tiziana Buschettu, Jacquelyn, l'anima di Frida (Figure e Personaggi)

Le poesie di Lolli sono una raccolta di poesie e filastrocche che raccontano un mondo sempre in bilico tra realtà e giocosa fantasia, con un uso della rima e del gioco di parola leggero e musicale. Poesie piene di musica e di colore che trasformano la quotidianità in un mondo fantastico.

 Maurizio Ganzaroli, nato a Ferrara nel 1969, spaziando tra varie arti come la pittura con partecipazioni a diverse mostre personali e collettive, nella propria città, a Milano e Roma, la scultura, istallazioni luminose, e video, ha da sempre affrontato la scrittura con una vena Horror e fantascientifica, ha pubblicato alcuni libri in cartaceo e in versione digitale, con partecipazioni a diversi concorsi.

Buoni motivi per non dormire sono una raccolta auto-prodotta di 10 racconti fantastici che esplorano tutti i temi del brivido classico come il gotico, il thriller, il surreale, il noir, il noir psicologico e l’horror vero e proprio. In quasi tutti i racconti ci sono protagoniste volontarie o no, delle donne, che a volte sono delle vittime delle circostanze infauste, e a volte diventano loro le circostanze avverse per gli ignari passanti nelle loro vite. Ci sono anche due racconti non esattamente horror di cui il primo “La nebbia”, una rivisitazione di un omonimo racconto già edito nel 2001, mentre l’altro in stile Stephen King agli inizi, dove i bambini erano protagonisti e dove spesso la realtà risulta essere più spaventosa della fantasia

 Simone “Salinguerra” Zagagnoni. Nato nel 1976 a Ferrara dove già da molto giovane inizia ad occuparsi di storia cittadina. Grazie ai lunghi mesi estivi trascorsi a Castello Tesino (TN) in villeggiatura con i nonni materni, ha imparato ad amare e apprezzare la montagna e la quiete. Le sue passioni a tutt’oggi sono la storia ferrarese e più in generale quella medievale, la storia della Prima Guerra Mondiale, quella della Seconda e nel tempo libero, non manca mai di concedersi qualche giorno all’aria aperta in montagna, nei luoghi in cui ha potuto trascorrere l’infanzia. Negli ultimi anni poi si è dedicato alla poesia e alla scrittura di saggi e romanzi.

Ha adottato il soprannome ‘Salinguerra’ per la simpatia che nutre nei confronti del capo della fazione ghibellina ferrarese il quale osteggiò pesantemente l’ingresso e la presa di potere della famiglia degli Estensi in città. Attualmente vive nella città di Ferrara dove gestisce un’agenzia professionale di comunicazione.

Il Battaglione dimenticato. Racconta l’autore: “Questo racconto, affonda le sue radici alla fine degli anni ’80. In quei tempi mi recavo con i nonni in Tesino a trascorrere alcuni mesi di villeggiatura ed ebbi modo di conoscere il forte di Cima Campo.Da quegli anni iniziai a studiare la storia locale, quella della Prima Guerra Mondiale e mi appassionai di montagna.Un paio di anni fa poi, Parlando con alcuni amici, seduti alla Malga di Cima Campo mentre gli raccontavo i fatti di guerra vissuti dal forte, mi dettero l’idea: <<Simone… perchè non ci scrivi una storia?>>La cosa li per li andò giù per le scale di cantina, ma il seme era piantato! Mesi dopo iniziai a pensare come e cosa narrare, se fare un saggio (ma ce n’erano già diversi) o una narrazione.Scelsi la strada del racconto.Così, dopo quella visita al forte iniziai a raccontare, mettendo su carta, la mia storia, parzialmente autobiografica e romanzandoci sopra arrivai a raccontare del battaglione Monte Pavione e dei suoi uomini che nei primi giorni di quel novembre 1917 videro la guerra e fermarono l’avanzata austriaca per alcuni giorni”. La storia è accompagnata da alcuni disegni realizzati da Marco Ardondi di Ferrara.

Palazzo della Racchetta

Via Vaspergolo, 6

Ferrara Art Festival

Incontri e Dibattiti Tra Arte, Musica e Poesia

Figure e Personaggi – mostra collettiva

Info e Contatti : Zamenhof Art

Ufficio di Milano – cell. 377.46.89.785

email: [email protected]  sito: www.zamenhofart.it

SpazioE  -Sede espositiva: Milano, Alzaia Naviglio Grande, 4

tel. 02.58109843 (dal mart. alla dom. ore 15-19)

email: [email protected]

Galleria del Cammello

Ferrara, via Cammello, 33

(solo su appuntamento) cell. 333.80.322.46

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru