• Sab. Ott 16th, 2021

Trentola Ducenta. Arrestato cittadino italiano: era fuggito a Tenerife. Tutti i dettagli

DiThomas Scalera

Ago 1, 2019

L’uomo è stato rintracciato nel comune di Arona, sull’isola di Tenerife

Si tratta di un 48enne

TRENTOLA DUCENTA. Lunedì 29 luglio, nel comune di Arona, sull’isola di Tenerife (arcipelago delle Isole Canarie) F. N., 48 anni, residente a Trentola Ducenta, è stato tratto in arresto dalla squadra di ricerca e cattura latitanti spagnola “Udyco Central” di Madrid e dal Commissariato di Tenerife, su precise indicazioni del Comando Stazione Carabinieri di Trentola Ducenta, perché colpito da mandato di arresto europeo in ordine ai reati di pornografia minorile, detenzione di materiale pedopornografico e atti sessuali con minorenni.

Il mandato di arresto europeo scaturiva dalle indagini condotte dal Comando Stazione Carabinieri di Trentola Ducenta, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli, IV Sezione, dal Procuratore Aggiunto Dott. Raffaele Falcone e dal Sostituto Procuratore dott.ssa Cristina Curatoli, e dal Comandante di Compagnia Maggiore Terry Catalano, quando nel mese di maggio dell’anno 2018, a seguito di perquisizione domiciliare e informatica, venivano rinvenuti nello studio di F.N., personal computer con circa 4.000 video ritraenti soggetti minori di sesso maschile avere rapporti sessuali con soggetti maggiorenni. Durante quella perquisizione venivano scoperti anche 40 video riprodotti dallo stesso F.N. mentre intratteneva rapporti sessuali con soggetti minorenni.

L’attività di indagine condotta dalla Stazione Carabinieri di Trentola Ducenta faceva emergere che F. N. prometteva alle sue vittime regali di qualsiasi genere in cambio delle prestazioni sessuali, talvolta offrendo loro della cocaina. Al termine dell’attività di indagine, in data 13 maggio 2019 il GIP del Tribunale di Napoli, su richiesta della Procura della Repubblica, emetteva ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di F.N. che però si rendeva irreperibile.

Dal 13.05.2018 al 29.07.2019 i Carabinieri di Trentola Ducenta conducevano una incessante e tempestiva attività di localizzazione del soggetto fuggito a Tenerife. Le dispendiose attività tecniche consentivano, in diretta, di fornire tutte gli elementi ai reparti spagnoli procedenti sul campo determinando la riuscita dell’operazione in soli due mesi dalla sua fuga.  Si accertava, infatti, che il catturando si trovava nel comune di Arona sull’isola di Tenerife trovando sostengo e rifugio da soggetti italiani già residenti in Spagna.

Dall’attività d’indagine, i Carabinieri scoprivano che il ricercato, per scappare alla Giustizia italiana, aveva progettato la sua fuga in Brasile, prenotando un biglietto aereo nei giorni immediatamente successivi all’avvenuta cattura. Lo stesso aveva infatti in animo di trasferirsi in Brasile a Fortaleza, noto paese per il quale non vi sono rapporti di mutua assistenza giudiziaria in materia penale. Di qui, si decideva di far scattare il blitz: venivano contattati i collaterali reparti spagnoli che, seguendo gli elementi forniti dai Carabinieri del Comando Stazione di Trentola Ducenta, rintracciavano Nicola Fiorillo nel primo pomeriggio del 29 luglio presso l’aeroporto di Tenerife.

Attualmente l’uomo si trova detenuto presso il carcere di Tenerife in attesa del suo rimpatrio in Italia per essere poi giudicato in merito ai fatti contestati. 

Nella foto in alto il comune di Arona, sull’isola di Tenerife (arcipelago delle Isole Canarie)

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru