• Dom. Ott 24th, 2021

Trentola Ducenta. Primo giorno di scuola per la bimba di 11 anni disabile e malata di Aids

DiThomas Scalera

Nov 4, 2015

scuola21

TRENTOLA DUCENTA. Primo giorno di scuola ieri per la bambina di 11 anni malata di Aids la cui iscrizione era stata rifiutata a inizio settembre. Francesca, nome di fantasia, è entrata in classe ieri mattina nella scuola San Giovanni Bosco di Trentola Ducenta (Caserta). Sul suo caso, emerso a seguito della pubblicazione sul quotidiano ‘Avvenire’ di una lettera dei genitori affidatari, è intervenuto nei giorni scorsi il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, che ha assicurato il rientro a scuola della bambina proprio questa mattina. Nella lettera, i genitori indicavano nella malattia della bimba la ragione per cui l’istituto scolastico aveva rifiutato l’iscrizione.
“Abbiamo avuto rassicurazioni sulla trasmissione della malattia – dice una madre – ma ciò non toglie che può capitare, anche se è raro, che la piccola si ferisca e il suo sangue infetti qualche altro studente”; qualcun’altra si spinge a dire di voler ritirare la figlia da scuola, collegando la vicenda della piccola con i disagi relativi al sovraffollamento e ai servizi igienici. “La bimba è entrata – spiega il dirigente scolastico Michele Di Martino – ed è in classe con un’insegnante di sostegno. Ora dobbiamo lasciarla in pace e metterci alle spalle questa vicenda piena di equivoci e interpretazioni errate”. Botta e risposta tra il sindaco di Trentola Ducenta che accusa il ministero di aver alzato un polverone. Replica la Giannini: “Fatto il mio dovere”.

Fonte: Casertanews.it

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru