Ven. Dic 6th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Turbogas, assemblea infuocata. Tutti contro la centrale

5 min read
EVENTI IN EVIDENZA

PRESENZANO – E’ stata un’assemblea infuocata quella che si è svolta ieri presso la Sala consiliare del Municipio di Presenzano contro la centrale Turbogas. L’assise pubblica era stata convocata con urgenza dall’amministrazione comunale di Presenzano guidata dal sindaco Andrea Maccarelli su richiesta dei comitati locali

e le associazioni “No Turbogas” e a difesa della salute e dell’ambiente, per discutere della vicenda Turbogas. La società Edison S.p.A infatti a giorni dovrebbe far partire i lavori per la realizzazione di un impianto per la produzione di circa 800 Mwe nel territorio del Comune di Presenzano (a confine con quella di Vairano Patenora).

All’assemblea, moderata dal giornalista Thomas Scalera, come anticipato, erano presenti gli attivisti del Comitato “No Turbogas” ed i portavoce Francesco De Cunto e Mirco Sirignano, i rappresentati delle associazioni di lotta contro la realizzazione dell’impianto, il sindaco di Presenzano Andrea Maccarelli insieme ad altri sindaci del comprensorio, tra questi il primo cittadino di Vairano Patenora Bartolomeo Cantelmo, il sindaco di Caianello Lamberto Di Caprio, il sindaco di Tora e Piccilli Luciano Fatigati, il sindaco di Marzano Appio Antonio Conca,

il sindaco di San Pietro Infine Mariano Fuoco, il sindaco di Venafro Alfredo Ricci, il sindaco di Sesto Campano Luigi Paolone. La vicenda della Turbogas è fortemente sentita anche dai comuni molisani al confine con quelli dell’Alto casertano poiché già presentano diverse criticità ambientali nel loro territorio e temono un ulteriore impatto negativo qualora la centrale della Edison venga realizzata.

Hanno preso parte all’Assemblea (in basso il video integrale dell’assise grazie alla diretta realizzata dalla nostra testata ndr) pubblica e al dibattito che ne è scaturito anche l’On. Gennaro Oliviero (Pd), consigliere regionale e Presidente della Commissione Ambiente della Regione Campania, i consiglieri regionali molisani Antonio Tedeschi (Popolari per l’Italia) e Vittorio Nola (M5S), l’On. Margherita Del Sesto (Movimento 5 Stelle), Parlamentare della Repubblica e componente della XIII Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, ed il Presidente dell‘Ente Parco Regionale “Roccamonfina – Foce del Garigliano” Luigi Maria Verrengia.

Gepostet von V-news2 am Freitag, 15. November 2019
La diretta integrale di www.v-news.it dell’Assemblea No Turbogas

Tutte le autorità istituzionali presenti con i loro interventi hanno concordato sulla necessità di attuare delle iniziative comuni e coordinate nel tentativo di scongiurare la realizzazione dell’impianto che nessuno vuole a partire dalle comunità dell’Alto casertano molto preoccupate per le ricadute sulla salute e sull’ambiente, già compromesse da altri “mostri” presenti nell’area. Incalzati fortemente dagli attivisti dei comitati ed associazioni locali, i sindaci e gli onorevoli Oliviero e Del Sesto hanno preso l’impegno di fare quanto è in loro potere per impedire la realizzazione dell’impianto Turbogas.

Non sono mancati momenti di tensione tra il numerosissimo pubblico presente ed i rappresentanti istituzionali accusati di fare soltanto “passerella” ma di non avere davvero a cuore la questione. Grande anche l’attenzione mediatica sulla vicenda: in aula erano presenti diverse testate giornalistiche online e anche una troupe della RAI.

Due i pilastri fondamentali sui quali si muoveranno nei prossimi giorni cittadini ed Istituzioni: protesta veemente dei comitati che si coordineranno in un unico Comitato “No Turbogas” al quale si affiancheranno tutti gli altri movimenti di lotta del territorio campano e molisano, e l’avvio di tutti gli iter burocratici previsti per impedire l’avvio dei lavori grazie anche ad azioni legali che saranno intraprese di comune accordo tra enti locali, Regioni Campania e Molise, e Ministeri competenti.

Dal dibattito e dagli interventi dei rappresentanti delle varie Istituzioni intervenute è apparso chiaro a tutti che un peso determinante in merito alla vicenda Turbogas lo avranno le decisioni che saranno adottate dal Ministero dello Sviluppo Economico e molto probabilmente anche dal Ministero dell’Ambiente guidato dal Generale Sergio Costa che sarà sollecitato ad intervenire in merito.

Un momento dell’assemblea pubblica di ieri al Comune di Presenzano

Attualmente infatti la Edison ha tutte le autorizzazioni ministeriali necessarie per avviare i lavori per realizzare l’impianto. Sia l’On. Oliviero che l’On Del Sesto si sono impegnati, per quanto di loro competenza a sollecitare le rispettive Istituzioni, Regione e Ministeri, affinché l’impianto non venga costruito.

I tempi però stringono. Entro fine mese i lavori per la centrale potrebbero partire. Infatti il 26 ottobre scorso è stato pubblicato il decreto di esproprio dei terreni sui quali sorgerà l’impianto. Ci sarà tempo solo fino al prossimo 25 novembre per poter presentare ricorso.

Per tale motivo si attueranno anche delle azioni legali, si spera efficaci, come auspicato dal sindaco di Venafro Ricci, affermato avvocato amministrativista. Sarà necessario avere un pool di avvocati che riescano ad individuare tutte le anomalie e criticità nella documentazione oggi esistente in merito al progetto della Centrale Turbgas di Presenzano.

Un servizio giornalistico molisano del 28 febbraio 2018

Dopo la prima autorizzazione del Mise nel 2011 (amministrazioene comunale di Presenzano targata D’Errico), il progetto della Turbogas ha sempre avuto proroghe dai vari Governi nazionali che si sono succeduti.

Inoltre tiene anche banco la faccenda della delibera n. 103 del 19 marzo 2019 della Regione Campania, che prevedeva delle modifiche al progetto originario dell’impianto e che di fatto ha dato il via libera definitivo insieme al Ministero dello Sviluppo Economico ai lavori, delibera che ultimamente sembra essere “sparita” come ha affermato lo stesso consigliere Oliviero durante l’assemblea di ieri sera dicendosi pronto a fare luce sulla vicenda.

In merito alla delibera regionale è intervenuta anche l’On. Margherita Del Sesto sottolineando come questa delibera sia di fatto menzionata nel Decreto Direttoriale Mise n. 55/04/2019 del 25/05/2019. “Nelle ultime ore – ha dichiarato l’On. Del Sesto in una nota ufficiale – ho intrapreso interlocuzioni con gli staff dei ministri competenti e con la portavoce M5S Vilma Moronese (attuale Presidente della 13^ Commissione Ambiente del Senato)

per fissare in tempi rapidi incontri istituzionali presso le relative sedi, dove ribadirò che tutto il territorio farà fronte comune al fine di evitare che la centrale turbogas venga realizzata”. Intanto nei prossimi giorni sarà organizzata una grande manifestazione di protesta che vedrà in strada cittadini, attivisti e rappresentanti istituzionali dell’Alto casertano e del Molise.

Forte preoccupazione per le comunità casertane e molisane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close