CronacaNewsPoliticaPresenzano

Turbogas e conflitto d’interessi, i Comitati denunciano

L’Associazione “Agricoltori Antica Rufrae” sottolinea i rapporti tra la Vanvitelli e le aziende

Turbogas e conflitto d’interessi, monta la polemica sull’impianto in costruzione

PRESENZANO – Turbogas e conflitto di interessi, monta aspra la polemica. I Comitati No Turbogas continuano a far luce sullo strano intreccio di rapporti che hanno portato alla stesura della contestata relazione quale “Supporto tecnico-scientifico alla valutazione, su base progettuale, delle emissioni in atmosfera di una centrale termoelettrica a ciclo combinato”

inviata nei giorni scorsi dal Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi Luigi Vanvitelli al Comune di Presenzano in merito alla centrale Turbogas in fase di realizzazione sul territorio comunale dello stesso. La relazione tecnico-scientifica a firma del Responsabile scientifico Prof. Ing. Dino Musmarra, comunicata unitamente ai dati ARPAC sulla qualità dell’aria nella zona, oggetto oggi di un’aspra polemica,

fu voluta dallo stesso Ente Comune guidato dal sindaco Andrea Maccarelli che siglò nei mesi scorsi un’apposita convenzione con l’ateneo campano. Tra i Comitati No Turbogas è in particolare l'”Associazione Agricoltori Antica Rufrae” ad aver scoperto che esistono dei rapporti diretti tra l’Università Vanvitelli e le aziende che stanno realizzando l’impianto.

Questi rapporti che intrecciano l’ateneo alla Geko Spa, l’azienda che sta costruendo l’impianto a Presenzano, grazie ad uno “spin off” (di cui fa parte lo stesso Prof. Musmarra che ha realizzato la relazione) secondo l’Associazione Agricoltori Antica Rufrae rappresentano un palese conflitto d’interessi che avrebbe portato di fatto alla stesura di una relazione molto favorevole alla realizzazione dell’impianto.

La relazione del Prof. Musmarra infatti afferma che tutti i parametri di riferimento, dalle emissioni in atmosfera ai processi industriali dell’impianto, grazie anche all’impiego delle migliori tecnologie all’avanguardia in dotazione allo stesso, sono/saranno rispettati secondo i parametri previsti dalla legge dal progetto ideato dalla Edison S.p.a e messo in opera dalla Geko Spa.

Sulla Turbogas e il conflitto d’interessi in corso l’Associazione Agricoltori Antica Rufrae ha prodotto ulteriori nuovi documenti che provano l’esistenza di uno strano intreccio di rapporti in questa vicenda, in quanto il Prof. Musmarra del Dipartimento di Ingegneria della Vanvitelli, insieme ad altri suoi colleghi,

è membro della Environmental Technologies srl una società legata alla Geko S.p.a attraverso uno “spin off” che vede l’Università “Luigi Vanvitelli” in società con la General Holding Company, compagnia madre della stessa Geko S.p.a che sta eseguendo i lavori dell’impianto termoelettrico di Presenzano.

L’autore della relazione il Prof. Dino Musmarra e lo “spin off” di cui fa parte
La società Environmental Technologies Srl di cui è membro il Prof. Musmarra e che fa parte dello “spin off

L’Associazione Agricoltori Antica Rufrae attraverso un comunicato ufficiale sulla propria pagina Facebook specifica che: “Antica Rufrae è in grado di confermare, mostrando ulteriori documenti, i rapporti tra l’Università degli Studi della Campania e la Geko Spa.

Ricordiamo che il prof. Dino Musmarra, del Dipartimento di Ingegneria dell’ateneo intitolato a Luigi Vanvitelli, è l’autore di una relazione tecnico scientifica sulla centrale turbogas di Presenzano, commissionata dalla giunta comunale, e di recente pubblicata sul sito istituzionale del Comune presieduto dal sindaco Andrea Maccarelli.

Il docente universitario risulta però essere anche membro di uno spin off universitario esistente tra l’ente accademico con sede a Caserta e la Geko Spa, attraverso la società Enviromental Technologies Srl (foto in alto). Lo spin off tra la General Construction (ora Geko Spa) e la Sun (ora Università degli Studi della Campania) attivato con la società Enviromental Technologies Srl (foto in alto),

risale all’ottobre del 2014, come si evince dalle notizie riportate nel Bilancio di esercizio della General Construction e nella Nota integrativa del Bilancio consolidato del 2014 della General Holding Company (foto in basso), di cui il patron Alfonso Gallo è amministratore delegato, oltre ad essere amministratore unico dell’azienda impegnata nei lavori di costruzione della centrale turbogas di Presenzano. Ricordiamo che nel 2015 la General Construction è stata fusa per incorporazione nella Geko Spa, sempre sotto la direzione e il coordinamento della società madre General Holding Company (sempre foto in basso)

Il 10% del capitale sociale della Enviromental è della General Construction casa madre della Geko Spa
I rapporti tra le due aziende nell’ambito dello “spin off
La General Holding Company Spa che controlla la Geko Spa che sta realizzando i lavori a Presenzano
Il capitale sociale della General Holding Company Spa

In merito alla vicenda interviene il Presidente dell’Associazione Agricoltori Antica Rufrae Giuseppe Bocchino che dichiara: “Da questa relazione tecnico scientifica, ci si aspettava perlomeno una qualche condivisione delle preoccupazioni che i cittadini di Presenzano, le popolazioni del comprensorio e i comitati di lotta hanno espresso durante quest’anno così difficile.

Ci siamo ritrovati invece un documento la cui impostazione sembra essere quella di evidenziare i pregi della Turbogas più che i tanti difetti, forse per scoraggiare quanti si oppongono alla sua costruzione. La buona notizia è che, purtroppo per loro, il piano è fallito miseramente.

Infatti dopo aver scoperto i rapporti di collaborazione che da tempo esistono tra l’Università Vanvitelli, l’autore delle osservazioni sull’impianto e la Geko SPA, la credibilità di questa relazione, nel merito già molto deludente, è pari a zero.

Farebbe bene l’amministrazione, soprattutto se non vuole alimentare ulteriori dubbi sulle proprie responsabilità, a cestinare immediatamente la convenzione stipulata con la Seconda Università della Campania nel mese di gennaio. Con la speranza, da parte mia, che gli organi preposti al controllo possano fare al più presto luce su questa vicenda”.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
1
Silly
0
Vincenzo Mario
Giornalista Pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Campania. Vicedirettore e Redattore di V-news.it. In oltre 15 anni di professione vanta numerose collaborazioni con i principali quotidiani cartacei e online di Terra di Lavoro ed esperienze in emittenti televisive e radiofoniche. Tra le principali esperienze e collaborazioni spiccano: giornalista e fotoreporter per “Il Giornale di Caserta” e inviato per “TRM – TeleradioMatese” - Gruppo “Lunaset”, corrispondente e Redattore per la "Nuova Gazzetta di Caserta", giornalista per il mensile “Fresco di Stampa”, giornalista radiofonico e speaker, curatore del Notiziario campano per RCS – Radio Circuito Solare,

    Rispondi