• Sab. Ott 23rd, 2021

UMBERTO ECO – Lectio Magistralis “De Oratore” di Cicerone -Subiaco 1465: il primo libro stampato in Italia

DiThomas Scalera

Giu 23, 2015

Si terrà domenica 28 giugno 2015 alle ore 10.30, presso la Sala Maria Teresa della Biblioteca Nazionale Braidense di Milano (Brera), la Lectio Magistralis di Umberto Eco dedicata al De Oratore di Cicerone, primo libro stampato in Italia, a Subiaco, nel 1465. L’iniziativa, che rientra nel ciclo delle conferenze MiBACT per EXPO 2015 ed è organizzata in collaborazione con il Monastero di Santa Scolastica di Subiaco, fa parte dell’articolato programma delle manifestazioni organizzate dal Comune di Subiaco e dall’Abbazia Territoriale di Subiaco in occasione del 550esimo anniversario dell’anniversario della nascita della stampa a caratteri mobili e del primo libro stampato in Italia con questa tecnica. Un progetto di valorizzazione territoriale che mira a sottolineare la grande validità culturale in termini non solo di mutamento delle comunicazioni scritte, ma anche di circolazione delle idee e dei processi di alfabetizzazione. Alla conferenza saranno presenti il sottosegretario al MIBACT On. Ilaria Borletti Buitoni, l’Abate di Subiaco Dom Mauro Meacci, il sindaco di Subiaco Dott. Francesco Pelliccia e la Dott.ssa Maria Antonietta Orlandi, membro del Comitato La Culla della Stampa di Subiaco. L’incontro sarà moderato dall’editore Sira Lozzi. In tale ambito verrà esposta la copia n. 1 della ristampa anastatica del De oratore che sarà presente anche a luglio, all’interno di Expo, presso lo stand dei Borghi più belli d’Italia. Per l’occasione della lectio di Umberto Eco è stato infine organizzato un tour che prevede un programma di 3 giorni comprensivo di conferenza, ingresso all’Esposizione

1421828993-umbertoeco

Biografia di Umberto Eco
Umberto Eco nasce ad Alessandria nel 1932. Dopo la maturità classica nel paese natale, nel 1954 si laurea in filosofia con una tesi su San Tommaso d’Aquino, dal titolo Il problema estetico di San Tommaso, ed inizia a occuparsi di filosofia e cultura medievale. Entra in RAI attraverso un concorso nel 1954, venendo assunto insieme ad altri giovani intellettuali per trovare nuove idee per programmi televisivi, e  lascerà poi l’impiego (fondamentale per osservare da vicino alcuni meccanismi della nascente comunicazione di massa) alla fine degli anni ‘50. Nel stesso periodo, collabora con diverse riviste letterarie, tra cui “Il Verri”, attorno alla quale si raduna il nucleo originario del “Gruppo 63”, cui poi Eco parteciperà attivamente.

record2210_14c

Nel 1959 Eco diventa condirettore editoriale dI Bompiani, casa editrice milanese, fondata alla fine degli anni ‘20 e con cui Eco inaugura un lungo sodalizio culturale ed intellettuale. Nel 1962 pubblica il saggio Opera aperta, in cui riflette sulla natura delle opere d’arte contemporanee (sintomaticamente “aperte” e non concluse) e sui criteri della loro interpretazione e fruizione. Questo saggio ha notevole successo sia in Italia, sia all’estero e pone le basi alla formazione del “Gruppo 63”, movimento teorico e letterario d’avanguardia, che si richiama a idee del marxismo e dello strutturalismo francese. Mentre prende avvio la carriera universitaria (tra Italia, Francia e Stati Uniti), proseguono gli studi di cultura medievale, a cui si aggiungono però nuovi interessi, tra cui la semiotica e la sociologia, due discipline centrali a cavallo tra anni Sessanta e Settanta. Presenta le sue ricerche in due importanti saggi: il Diario minimo (1963), una raccolta di saggi brevi e dall’accento ironico sulla cultura di massa e, nel 1964, Apocalittici e integrati, in cui Eco entra nel dibattito sulla cultura di massa tra coloro che accolgono acriticamente la nuova cultura dei grandi media e quegli intellettuali che invece se ne distaccano sdegnati, percependola come una minaccia ai valori veri ed “alta” della loro formazione. L’attenzione per i meccanismi di costruzione dei significati, tra letteratura e mondo, è del resto costante: professore di Semiotica presso l’Università di Bologna dal 1971, nel 1968 Eco pubblica  La struttura assente, mentre nel 1975 è la volta del Trattato di semiotica generale, e nel 1990 de I limiti dell’interpretazione. L’orizzonte di riflessione interseca sempre aspetto teorico e analisi concrete: dallo studio dei “miti” della modernità televisiva (siano questi Mike Bongiorno o James Bond) Eco passa allo studio della funzione del lettore nei testi d’invenzione (il saggio Lector in fabula è del 1979) o dei fondamenti della narratività e della traducibilità dei testi (Sei passeggiate nei boschi narrativi, 1994; Dire quasi la stessa cosa, 2003), senza dimenticare l’attenzione per forme d’arte quali il cinema o il fumetto. Si occupa anche di attualità scrivendo su diversi quotidiani e periodici, tra cui “la Repubblica” e “L’Espresso”, e, nel corso degli anni, ha tradotto testi teorici e narrativi (tra cui, nel 1983, gli Esercizi di stile di Raymond Queneau). La carriera di narratore – che ha assicurato ad Eco la fama presso il pubblico più largo – inizia nel 1980, quando esordisce con Il nome della rosa; nel 1988 pubblica il suo secondo romanzo, Il pendolo di Foucault, mentre successivi sono L’isola del giorno prima (1994), Baudolino pubblicato nel 2000, La misteriosa fiamma della regina Loana del 2004 e Il cimitero di Praga del 2010. Il nome della rosa è considerato il suo best-seller e il suo libro più importante: Eco coniuga infatti lo sviluppo della trama “gialla” coni i suoi interessi di medievalista e semiologo, così che l’opera (“aperta”, come da egli stesso teorizzato) possa essere letta a più livelli e secondo intenzioni distinte. Il romanzo ha grande successo: viene tradotto in quarantasette lingue e nel 1986 ne viene tratto un film con Sean Connery nei panni del protagonista.

Biblioteca Nazionale Braidense– Sala Maria Teresa
Via Brera, 28 – 20121 Milano

Per prenotazioni:
Comitato «Subiaco, la culla della stampa» – Subiaco (Roma)
Tel. 0774.84900 – [email protected]

Informazioni sul progetto Subiaco 2015 ai siti:

Home


http://www.subiacoturismo.it/

FB: Comune di Subiaco
FB: Subiaco Turismo
twitter: @ComuneSubiaco #Subiaco2015

Infoline: [email protected]

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru