• Gio. Ott 21st, 2021

Un salto all’indietro di quasi 500 anni, nella remota Montiano emersa dagli scavi archeologici coordinati dalla Soprintendenza nell’estate del 2012 e da giugno a ottobre del 2014

DiThomas Scalera

Apr 8, 2015

clip_image006

Una storia nella storia: aspettata, cercata e presentata. Questo è il tema della conferenza condotta dagli archeologi Annalisa Pozzi della Soprintendenza Archeologia dell’Emilia-Romagna e Simone Biondi di Tecne, promossa dal Comune di Montiano.

Un salto all’indietro di quasi 500 anni, nella remota Montiano emersa dagli scavi archeologici coordinati dalla Soprintendenza nell’estate del 2012 e da giugno a ottobre del 2014.

Una collaborazione nata un po’ per caso, un po’ per necessità e diventata nel tempo fondamentale per ricostruire uno spaccato importante della vita di Montiano nel primo Rinascimento, tra il 1400 e il 1600.

Lungo le strade, via Cesare Battisti e via Roma, e sotto Piazza Garibaldi, i lavori di ripavimentazione del centro urbano hanno portato in luce non solo i resti di un antico sistema di raccolta e scolo delle acque bianche (già in uso nel XVI secolo) ma soprattutto numerosi granai “a fossa” di età moderna, quasi tutti databili tra la fine del 1400 e il 1500.

Queste “conserve” sono vere e proprie fosse a forma di campana, scavate nell’arenaria e profonde fino a quattro metri, rivestite sulle pareti da paglia o canniccio e utilizzate per conservare grano, orzo, avena, fave, mandorle, ceci e altro. Chiuse per lo più agli inizi del 1600, hanno restituito diverse ceramiche utilizzate sulle tavole come stoviglie e vasellame comune (piatti, ciotole, catini ecc). Delle dieci fosse censite, la maggior parte erano ancora in perfetto stato di conservazione.

Si è quindi pensato di mantenere memoria degli scavi collocando lungo la passeggiata urbana alcuni pannelli didattici che forniscono informazioni e curiosità su quanto scoperto.

Ingresso libero

Maggiori informazioni sul sito http://www.archeobologna.beniculturali.it

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru