NewsNotizie dal Mondo

Un’opera curiosa: La statua di Mazinga Z a Tarragona

La prossima estate segnerà quarant’anni di costruzione una delle statue più peculiari di Tarragona e di tutta la Catalogna: Mazinga Z Mas del Plata, un sobborgo della città di Cabra del Camp, Alt Camp. Questa riproduzione di 10 metri del personaggio della leggendaria serie di cartoni animati giapponesi è attualmente il sito di pellegrinaggio annuale di migliaia di fan dei manga. Recentemente è stato ridipinto con un crowdfunding dell‘Associazione degli Amici di Mazinger Z, che organizza persino un incontro ogni anno.

Da dove nasce l’idea e come si è concretizzata? Dobbiamo tornare indietro nella tarda primavera del 1978, quando la società Vendrell FIBRESTER ricvette una richiesta insolita: costruire una statua dieci metri di Mazinger Z, la stella della moda TV a cartoni animati in quel momento. L’azienda era specializzata nella lavorazione della fibra di vetro e la costruzione di barche e tavole da surf rappresentava oltre il 90% della sua produzione; Non avevano mai costruito nulla di simile. Ricardo Martínez, allora responsabile dell’ufficio tecnico di Fibrester al Vendrell, spiega come hanno studiato e accettato l’incarico.

Annunci radiofonici di Don Pollo

Questa statua è stata costruita nel bel mezzo di una radura circondata da alberi di pino nel comune di Cabra del Camp, Alt Camp, in un gioco chiamato Mas del Plata, un gioco creato per dare il nome ad un’area di nuova urbanizzazione con annunci radiofonici attraverso uno dei principali musicisti dell’epoca, Luis Arribas Castro, popolarmente noto come Don Pollo. Tuttavia volevano avere un impatto pubblicitario ancora più grande e credevano che il protagonista di quella serie nipponica, che stava causando vere e propie scene di “follia mediatica” tra i bambini e gli adolescenti in tutto lo stato, forse era una grande pretesa.

Si decise di costruire la statua in agosto, per approfittare del calo dei posti di lavoro di quel periodo. Ma era necessario risolvere alcuni problemi. “I promotori volevano costruire una scala interna in modo che i bambini potessero salire fino alla testa della statua e rimuovere il muso dalla visiera della testa del robot. Dovevamo toglierli dalla testa perché non c’era abbastanza spazio all’interno della figura e sarebbe stato molto pericoloso. Ma ci sono molti che pensano che questa scala fosse realmente esistita, perché alcuni bambini erano riusciti a salire e ad aprire la testa”, spiega Martínez.

Le lastre furono costruite seguendo il processo di produzione con fibra di vetro, con modanature di gesso, che in seguito non furono conservate. Anche il costo è stato scontato, alcune fonti sottolineano che ha raggiunto i dieci milioni di pesetas, sebbene Martínez non ricordi la cifra esatta pagata dallo sviluppatore. “Abbiamo dovuto affrontare il problema di come costruire i pugni, un compito molto complicato per i progettisti della società, e alla fine abbiamo commissionato uno scultore. Più tardi nel nostro stabilimento abbiamo costruito le lastre in fibra di vetro “, spiega l’allora responsabile dell’ufficio tecnico, il quale ricorda che almeno tre o quattro volte Arribas Castro ha visitato la fabbrica per seguire il processo di produzione. L’impianto Vendrell dove è stato costruito il Mazinger Z è stato chiuso quasi dieci anni fa.

Quattro giorni per costruirla

L’assemblaggio del Mazinger Z del Mas del Plata fu fatta per quattro giorni all’inizio di agosto del 1978, con una dozzina di operai, tra cui Martinez e uno dei proprietari della compagnia. Fu costruito dall’interno e l’operazione più difficile è stata quella di completarela testa: legarono l’operaio con le corde. Martinez crede che attualmente la costruzione di una figura come questo sarebbe impossibile perché i costi sarebbero altissimi per rispettare i nuovi parametri di sicurezza.

Un luogo di incontro per i fan della serie

Nell’agosto 2015, un gruppo di fan di Mazinger Z che si era incontrato attraverso Facebook ha approfittato di uno di loro proveniente da Bilbao per fare un “pellegrinaggio” presso la statua di Cabra del Camp e organizzare un incontro attraverso il social network. Inoltre, padrino della manifestazione è stato Alfredo García Garrido, compositore della musica e i testi della versione spagnola della sigla di inizio della serie. Un grande successo di pubblico.

Il presidente della Associazione degli Amici di Mazinger Z, eletto in questi incontri, Jose Luna ha detto che stanno lavorando per una nuova riunione a Cabra del Camp, nonché all’organizzazione di altri eventi come una mostra a Barcellona, la più grande in Europa sulla serie giapponese.

Un fenomeno del 1978 in Spagna

Mazinger Z è una serie di cartoni animati giapponesi del 1972. Fu pubblicato in Spagna il 4 marzo 1978 e divenne un vero fenomeno di massa, specialmente per la novità che rappresentava la sua trama basata sulla fantascienza. 32 episodi sono stati trasmessi sabato pomeriggio, dopo la trasmissione dei notiziari, con un’interruzione di sei mesi tra i primi 27 capitoli e gli ultimi 5.

Una storia affascinante, dell’unico monumento esistenza ad

un’opera di Go Nagai, il mitico “dio-demone” Mazinger Z.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Redazione V-news.it
Il bot redazionale

    Comments are closed.