• Dom. Ott 17th, 2021

Vairano. (VIDEO) 35 anni fa Vairano si unì per rivendicare la paternità dell'Unità d'Italia

DiThomas Scalera

Giu 2, 2017

Con questo filmato vogliamo rendere omaggio ai vairanesi di allora, autori di una lotta e di un momento di grande orgoglio che rappresentò uno dei rari momenti di “unione” di questo comune.
Il 2 giugno 1982 a Vairano Scalo, i cittadini protestarono contro un abuso subito di prepotenza. In occasione del centenario della morte di G. Garibaldi, furono organizzate due staffette dal Ministero della Difesa, per celebrare l’evento Storico del 26 ottobre 1860 che sancì l’Unità d’Italia. In un primo momento, in base all’unico documento storico esistente, il Ministero stabilì che l’incontro delle staffette doveva avvenire al Quadrivio di Taverna Catena, oggi Vairano Scalo. Per svariati motivi e potenza politica, (vedi voti) il Ministero fece “retromarcia” nei nostri confronti e stabilì che le staffette si sarebbero incontrate a Ponte S. Nicola tenimento di Teano. Portiamo a conoscenza di tutti questi due filmati del 1982, rarissimi, che dobbiamo a Fulvio Guercio, che ci documentano l’unità di un popolo di 35 anni fa. Una chicca.
Abbiamo sentito Tittina Rozzi, moglie di Lino Martone: “2 giugno 1982 / 2 giugno 2017 trentacinque anni assati inutilmente. Oggi mi sono commossa e rammaricata perché ho pensato che il popolo vairanese non è codardo ma sono stati codardi tutti coloro che si sono alternati e hanno mandato un popolo allo sbando e hanno spento l’entusiasmo dei vairanesi, giorno dopo giorno. Oggi è un giorno triste.”
Lo stesso Martone ha replicato:
35 Anni fa, come vedete, VAIRANO UNITA non è uno slogan elettorale strumentale, ma un dato di fatto sociale, morale,culturale, di Comunità e di dignità, di amore per la propria terra, con a capo l’intera Amministrazione Comunale, tutto il Municipio e il Consiglio Comunale. Mi assunsi la responsabilità di stare alla testa di questa entusiasmante manifestazione con la fiducia di tutti che mi riconobbero come capo. Gli anni 80, con la Torre, furono gli anni di esplosione e consolidamento dell’Unità Popolare, anche grazie alla consolidata iniziativa unitaria del Circolo dei 50, con la Stravairano e non solo, guidato dal compianto Ermanno Paolino e di tanti altri che è lungo nominarli tutti, compreso l’autore del filmato,Fulvio. Si cercò di consolidare questa nuova grande Unità anche con iniziative successive, come l’istituzione dell’Estate Vairanese, sulle piazze di tutte e tre i centri abitati. Grande, di forte rispetto e di coraggio fu questo protagonismo del Popolo vairanese il 2 giugno 1982, che sfidò e si batté contro l’abuso di potere del Governo, costretto poi a fare macchina indietro, a fare autocritica e, in alleanza con il prestigioso Stato Maggiore dell’Esercito Italiano, fu organizzato l’importante convegno dell’ottobre successivo presso l’albergo Taverna Catena.

Ma la cosa più importante e significativa che intendo sottolineare, è l’evidente protagonismo, capacità di lotta, coraggio e unità delle donne, avanti a tutti come potete vedere nel video, che non ebbero nemmeno timore di tentare il blocco della staffetta, che a stento riuscì a sfilarsi. Donne come avanguardia, sentendosi alla pari totale con gli uomini. Donne che nel frattempo e dopo avevano consolidato anche il circolo 8 Marzo. Donne e mamme responsabili, non come le presunte protagoniste di adesso che puntano solo a mettersi in mostra nelle liste, mentre dovrebbero sentirsi molto indignate solo per l’obbligo di Legge ad essere candidate.

Purtroppo dopo, quei prestigiosi anni 80, la volgare e decadente logica di potere, ha lavorato per sfaldarli e farli dimenticare. Per la scadenza del prossimo 11 giugno ho cercato, con un appello di responsabilità, a richiamare e rifondare quella UNITA’, ma hanno fatto i sordi e orecchie di mercante. Io, noi, che amiamo veramente questo nostro territorio, NON CI FERMEREMO.”


Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru