• Sab. Mag 21st, 2022

Palazzo Mefra, il TAR Campania dà di nuovo torto al Comune di Vairano

Chi si trova a Vairano Scalo e percorre via Napoli rimane colpito dalla bellezza del Palazzo Mefra e, da decenni, si fa sempre la stessa domanda: com’è possibile che quello che poteva essere un nuovo centro commerciale e residenziale capace di dare lustro a Vairano rimanga chiuso ed inutilizzato?

La ragione sta nel lunghissimo contenzioso con il Comune, che recentissimamente ha segnato una nuova vittoria in favore della società che lo ha realizzato.

Già nel 2019 il TAR Campania, con la sentenza n. 4716/19, annullò l’ordinanza di demolizione del Comune di Vairano Patenora ordinando al Comune di iniziare una nuova istruttoria.

Dopo un lungo iter, il Comune ha accertato che non v’era stato nessun aumento di volume e nessuna variazione dell’area di sedime ma, nonostante ciò, incredibilmente e dopo tanti anni dal rilascio del permesso a costruire del 2008, ha revocato il permesso a costruire, ha ordinato l’abbattimento ed ha acquisito il palazzo al patrimonio comunale.

Contro tali provvedimenti è insorta di nuovo la società Mefra che ha promosso un nuovo ricorso al TAR Campania, con il patrocinio degli avvocati Michele Maiellaro del foro di Foggia ed Andrea Di Santo del foro di Isernia.

Il Giudice Amministrativo il 12 gennaio si è pronunziato sospendendo i provvedimenti impugnati, così accogliendo nuovamente le ragioni della società Mefra.

Com’è possibile chela vicenda vada ancora avanti a distanza di 14 anni dal rilascio del permesso a costruire?

Siamo sicuri di essere a Vairano oppure siamo nell’isola di Itaca, visto che questa Tela di Penelope non riesce a trovare una fine?

Eppure di lì a qualche metro, con l’incontro tra Garibaldi e Vittorio EmanueleII, si fece l’Italia.

Se questi due grandi personaggi avessero saputo tutto questo, sicuramente sarebbero tornati indietro.

Nota stampa MEFRA

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa